Giuochi Fanciulleschi di fine 1800

Estratto dal libro Usi, Costumi e pregiudizi del popolo di Roma di Giggi Zanazzo (1907), edizioni Intra Meonia, capitolo "Giuochi fanciulleschi, divertimenti, passatempi, esercizi"   Giggi Zanazzo (1860-1911) è stato un poeta dialettale sotto lo pseudonimo di Abbate Luvvigi, editore e fondatore del Rugantino, periodico cartaceo in lingua romanesca che pubblica i primi sonetti di Trilussa lanciando la sua fortunata carriera. Zanazzo è inoltre considerato il padre della Romanistica, materia che studia gli usi, la lingua, le credenze e le [...]

Presunzioni

La Luna piena che inargenta l'orto è più granne der solito: direi che quasi se la gode a rompe l'anima a le cose più piccole de lei. E la Lucciola, forse, nun ho torto se chiede ar Grillo: - Che maniera è questa? Un po' va bè': però stanotte esaggera! E smorza el lume in segno de protesta.   Trilussa Altre poesie di questo numero: Ninna nanna dell’innovazione, Quarantena Altri articoli di Territorio di questo numero: Trastevere: emergenza movida cercasi, [...]

By |2020-04-28T12:57:52+02:0020 Aprile 2020|Categories: Numero 11 | Edizione Web, Poesie, Territorio|Tags: , , |1 Commento

Ninna nanna dell’innovazione

https://www.youtube.com/watch?v=PTWkE_jw0AA Dormi dormi amica nostra St'esistenza 'n te s'addice Come vota adescatrice Ormai t'hanno messo in mostra   Strigni l'occhi, nun fiatà D'esse merce pe' briganti la paura sparirà   Chiudi l'occhi amica mia nun c'è gnente da vedè Chi t' amava se n'è ito chi è arivato pensa a sé   Dormi adesso rione mio Nun cercà la corpa in Dio Nun cercanne la raggione Mo se chiama innovazzione   usciremo da sto buio E da ste lacrime corrotte [...]

By |2020-04-28T13:01:01+02:0020 Aprile 2020|Categories: Numero 11 | Edizione Web, Poesie, Territorio|1 Commento

Quarantena

https://www.youtube.com/watch?v=XmNkapdElr0 Guardo il palazzo di fronte, mattoni rossi e vita che passa Una donna stende i panni, concentrazione e testa bassa. Un bimbo esasperato prova tutti i giochi a disposizione Dalla bici al pallone. Irrequieto, non mantiene la posizione. L’ennesimo corriere Amazon porta quintali de pacchi inutili Li lascia fuori dalla cancellata, rilasciando scuse futili. Fa quasi pe’ imbarazzasse, rispettando il metro sociale E’ provato. Baraonda de’ consegne, ‘na presa a male. Mentre fai da spettatore sale il pensiero, e [...]

By |2020-04-28T12:59:51+02:0020 Aprile 2020|Categories: Numero 11 | Edizione Web, Poesie|Tags: , |1 Commento

Poi ne parlamo

  Abitava a via della Scala, dopo ‘a piazzetta. Lo chiamaveno Maurizio, detto Er Puzzetta, pe’ via de quell'aria da narciso un po’ guascone non je se poteva da contro, era un rosicone. Là, dove prima ce trovavi er matto de quartiere, bottegai, robbivecchi e ladri de mestiere, se ne stava co’ la famija sua. Vedelli era ‘n piacere. Dentro casa ‘na tarantella. Tre fratelli e ‘na sorella, tre nonni (uno defunto), e quarche anima gemella. Poraccio, non faceva manco [...]

By |2020-04-01T17:03:30+02:0031 Gennaio 2020|Categories: Poesie|Tags: , , |2 Comments

Lo sfratto

  — Perché me cacci? — chiese un vecchio Gatto a una Guardia der Foro che je dava lo sfratto. — Li mici stanno bene a casa loro: — disse la Guardia — nun te crede mica che, co' tutte 'ste bestie, Roma antica guadagni de prestiggio e de decoro... Te la figuri un'epoca imperiale co' li gatti che aspetteno la trippa e l'avanzi incartati in un giornale? o che stanno, magara, a fa' l'amore tra le colonne indove Marco [...]

By |2020-04-01T17:08:21+02:0014 Gennaio 2020|Categories: Poesie|Tags: , , |4 Comments

Er salice piangente

  - Che fatica sprecata ch'è la tua! - diceva er Fiume a un Salice Piangente che se piagneva l'animaccia sua - Perchè te struggi a ricordà un passato se tutto quer che fu nun è più gnente? Perfino li rimpianti più sinceri finisce che te sciupeno er cervello per quello che desideri e che speri. Più ch'a le cose che so' state ieri pensa a domani e cerca che sia bello! Er Salice fiottò: - Pe' parte mia nun [...]

By |2020-03-20T14:30:27+01:0015 Ottobre 2019|Categories: Poesie|Tags: , |1 Commento

È partita Iva

  Ao, dice è partita Iva... era ora, se n' è annata! È la frase esclamativa della gioventù bruciata da saltuarie prestazioni dalle collaborazioni sò fantasmi sordomuti senza ferie e contributi! Affrontamo co' decoro la giornata de lavoro senza avè riferimenti stando sempre sull'attenti. Quando si è a un crocevia in cui subentra malattia, non t'azzardi a riposatte co l'affitto da pagatte co le tasse da versatte a 'no Stato che garante ce fa orecchie da mercante! Tredicesima, permessi più [...]

By |2020-03-20T14:42:37+01:0027 Luglio 2019|Categories: Poesie|Tags: , |1 Commento