‘NA STORIACCIA | Ponte Giorgiana Masi

 

L’ispirazione pe’ scrive ‘sta storiaccia m’è venuta mentre ascoltavo ‘na canzone de Stefano Rosso. Nun parlo de quella più famosa, quella dello spinello, e nemmanco de quella che parla de via della Scala. Se ‘ntitola Bologna ‘77, è uno de li brani de maggior impegno civile de Rosso e racconta de ‘n fatto avvenuto sur ponte der Tevere dedicato a Peppe Garibaldi.
‘Nfatti, ‘sta storia, che è sì romana e pure trasteverina, inizia precisamente a Bologna, sotto li portici de via Zamboni, ‘ndo ce sta la sede dell’università.
Semo ner 1977, e popo dalle università era nato ‘n movimento fatto in gran parte da li fratelli più piccoli dei settantottini e da li regazzi e le regazze della generazione successiva.
Certo nun se pò dì che fossero tempi tranquilli. Quelli erano l’anni delle università occupate dalli studenti che protestavano contro li governi democristiani, delle prime radio libere che raccontaveno le lotte de quei regazzi, l’anni de le lotte de classe. Erano l’anni de li scontri sempre più violenti tra compagni, camerati e guardie, ‘ndo spesso ce scappava er morto. Erano l’anni de li grandi misteri italiani coperti dall’ombre che da sempre attanagliano ‘sto paese. ‘Nsomma, basta dì che erano l’anni de piombo.
L’11 marzo, a Bologna, ce so’ stati degli scontri violentissimi tra militanti de estrema sinistra e la polizia, che dall’aula de Anatomia se so’ estesi a macchia d’ojo pe’ tutta la città e ‘ndo è morto ammazzato ‘n regazzo de 25 anni, Francesco Lorusso, ‘n appartenente a Lotta Continua, corpito da ‘n proiettile sparato dalle guardie mentre cercava de scappà.
L’amo detto, nun è che prima er clima fosse tanto mijore, ma l’omicidio de Lorusso a Bologna è stata ‘na scintilla che fece salì la tenzione a manetta in tutta Italia.
E ‘nfatti, er 21 aprile de quer maledetto 1977, scoppiò ‘na sparatoria a Roma, a San Lorenzo, tra arcuni membri de Autonomia Operaia e la polizia, in cui rimase ucciso l’allievo sottufficiale Settimio Passamonti, un regazzo de 23 anni, raggiunto da du’ corpi de pistola.
Er giorno appresso, er ministro dell’Interno Francesco Cossiga, co’ l’appoggio sia della maggioranza sia der PCI, comunicò ar parlamento la scelta de vietà tutte le manifestazioni pubbliche a Roma fino ar 31 de maggio.
A ‘sta decisione se oppose er Partito Radicale, che organizzò ‘na manifestazione er 12 maggio a piazza Navona pe’ raccoje le firme su 8 referendum e pe’ festeggià er terzo anniversario dalla vittoria de quello, storico, sur divorzio.
La sera prima, Marco Pannella, che all’epoca era er presidente de li radicali, chiamò Cossiga ar telefono pe’ leggeje ‘n comunicato in cui l’organizzatori, tra cui c’era anche Lotta Continua, dichiaravano de rinuncià a ogni caratterizzazione politica della manifestazione, che se sarebbe tenuta senza comizi o interventi.
E così, la matina der 12 maggio, piazza Navona se riempì de ‘na folla de 5mila persone tra attivisti e militanti radicali, pischelli de li movimenti studenteschi, membri de la sinistra extraparlamentare, delle femministe e de semplici lavoratori, sorvegliati da ‘n numero uguale de agenti delle forze dell’ordine e da ‘n grosso autocarro de li carabinieri.
La situazione, pe’ ‘na vorta, pare abbastanza tranquilla, quanno verso le 14 l’accessi alla piazza vengono chiusi. Da quer momento li manifestanti restano bloccati, praticamente sequestrati, e la preoccupazione inizia a salì. Nun se capisce gnente de quello che sta a succede e l’uniche notizie che arivano so’ quelle riportate da li giornalisti e da li parlamentari presenti, l’unici a potè superà er blocco.
Intanto, però, stavano a inizià a scoppià i primi candelotti de fumogeni e la situazione stava a degenerà de brutto.
Dopo ‘na lunga mediazione tra politici e forze dell’ordine, finarmente se trova ‘n accordo che consente a li manifestanti de uscì da la piazza facennoli confluì verso Trastevere.
Ma li scontri, da quer momento, se fanno sempre più violenti e se estendono a macchia de leopardo pe’ tutta Roma.
Tra li tanti partecipanti alla manifestazione de piazza Navona ce stava pure la protagonista, suo malgrado, de ‘sta storiaccia.
Se chiamava Giorgiana Masi, era ‘na studentessa romana de 18 anni e ‘na militante femminista der Partito Radicale. Abitava cor padre, che faceva er parucchiere, la madre casalinga e la sorella maggiore in un appartamento a via Trionfale, vicino ar San Filippo Neri, e stava a fà l’urtimo anno de scientifico ar liceo Pasteur.
Erano le 8 meno dieci de sera quanno stava a scappà co’ antri amici e compagni su ponte Garibaldi in direzione de Trastevere, co’ le guardie che ‘nvece stavano schierate dalla parte de via Arenula.
Stava pe’ raggiunge piazza Sonnino quanno, de botto, casca de faccia pe’ tera come si fosse inciampata. Tant’è che quarcuno la vede pure provà a rialzasse, ma Giorgiana nun je la fa e subito se riaccascia ar suolo. Perché in realtà nun è scivolata: è stata beccata alla schiena da ‘n proiettile de ‘na pistola calibro 22.
Er corpo de Giorgiana viene subito caricato su ‘na machina che la porta all’ospedale, dove, però, ariverà già morta.
Cossiga, ‘n po’ come fece anni dopo anche ‘n antro ministro dell’Interno dopo l’omicidio de Carlo Giuliani durante er G8 de Genova ner 2001, riferendo er giorno appresso li fatti in Parlamento, ebbe er coraggio de elogià er “grande senso di prudenza e moderazione” cor quale la P.S. aveva agito ner corso de li scontri.
Disse che quer 12 maggio le guardie erano state attaccate de botto da 300 manifestanti, che j’avevano lanciato serci e molotov, e che quindi s’erano dovuti difende in quarche modo.
Ma le cose, a quanto pare, nun erano annate proprio così. Li Radicali raccolsero e pubblicarono ‘na cifra de testimonianze, de foto e de filmati che facevano vedè bene le violenze dell’agenti, comprese de quelli, tanti, in borghese, intenti a puntà le armi contro la folla de manifestanti in fuga.
Davanti a ‘ste prove schiaccianti, er ministro e futuro presidente della Repubblica dovette pe’ forza ammette che in piazza, quer giorno, ce stavano pure ‘n certo numero de agenti delle forze speciali sotto copertura, mentre le cronache de li giornalisti presenti sbugiardavano la sua versione, quella pe’ così dì ufficiale.
L’autopsia fatta sur corpo de Giorgiana stabilì che la regazza era morta pe’ ‘n “emorragia interna massiva conseguita a dilacerazione dell’aorta in prossimità della sua biforcazione”, trovanno conferma nella controperizia della parte civile, depositata ner corso der processo, secondo cui era stata colpita da ‘n unico proiettile de arma da foco sparatoje alle spalle da ‘na distanza de circa 50 metri.
Durante le indagini fatte pe’ stabilì chi era stato a sparà a Giorgiana, le principali ipotesi furono due: da ‘na parte ce stava Cossiga, che nun smise mai de sostenè che er colpo era partito dal fero de uno de Autonomia Operaia che voleva sparà alla polizia, la cosiddetta tesi der “foco amico”; dall’antra li Radicali e li gruppi della sinistra extraparlamentare, che ‘nvece davano la colpa a uno de l’agenti in borghese che s’erano infiltrati nella manifestazione.
Er giudice istruttore Claudio D’Angelo, nun riuscenno a trovà ‘n responsabile da portà a processo, er 9 maggio der 1981 fu costretto a chiude l’inchiesta pe’ impossibilità de procede.
Da quer momento se susseguirono antre ipotesi e supposizioni, più o meno campate pell’aria, che comunque nun portarono a gniente de concreto, nonostante la riapertura dell’indagini ner 1998.
‘Nsomma, come è successo tante antre volte nella storia der nostro bel paese, l’unica certezza sulla morte de Giorgiana è quella de ‘na verità negata.
All’altezza der punto ‘ndo la vita de Giorgiana è stata spezzata a 18 anni, ce sta ‘na targa bella e commovente che la ricorda. Però, dato che l’eroe de li du’ mondi ce n’ha già parecchie de strade, de piazze e de monumenti che portano er nome suo, forse sarebbe giusto cambià l’intestazione de quer ponte.
Ce potete giurà: sarebbe d’accordo pure Garibaldi de chiamallo “ponte Giorgiana Masi”.

 

Di Er Principessa

Illustrato da Valerio Grigio Paolucci

Leggi anche: L’angioletto de ponte Mazzini