LA ROMA DEL CINEMA

 

Ladri di biciclette

Regia: Vittorio De Sica

Soggetto: Cesare Zavattini

Sceneggiatura: Cesare Zavattini, Vittorio De Sica, Suso Cecchi d’Amico, Oreste Biancoli, Adolfo Franci, Gerardo Guerrieri, Gherardo Gherardi

Cast: Lamberto Maggiorani, Enzo Staiola, Lianella Carell, Elena Altieri, Gino Saltamerenda, Memmo Carotenuto, Peppino Spadaro

Paese di produzione: Italia

Anno: 1948

Durata: 93′

Sinossi di Ladri di biciclette

Secondo dopoguerra. Il padre di famiglia Antonio Ricci trova lavoro come attacchino comunale. Per lavorare ha bisogno di una bicicletta ma la sua è in pegno al Monte di Pietà, così la moglie Maria impegna le lenzuola per riscattarla. Il primo giorno di lavoro però la bicicletta gli viene rubata… Insieme al figlio Bruno, parte alla ricerca della bicicletta per le strade di Roma.

Curiosità su Ladri di biciclette

Il film fu fortemente voluto da De Sica, che dopo l’insuccesso di “Sciuscià”, lo produsse in parte da solo. Girato principalmente con attori non professionisti, De Sica rifiutò i finanziamenti di produttori statunitensi che proposero Cary Grant per il ruolo di Antonio Ricci, interpretato in seguito da Lamberto Maggiorani, scelto per il suo modo di camminare. Molti i luoghi di Roma riconoscibili, fra cui Piazza Vittorio, il Traforo Umberto I e il mercato di Porta Portese.

 

 

Di Alice Catucci

Illustrato da Tarma

Leggi anche: Roma città apertaCampo de fioriRoberto Rossellini il combattenteEnnio Morricone