‘NA STORIACCIA

 

L’immagine che molti c’hanno der tipico palazzinaro romano ha la faccia e l’occhi da matto de Aldo Fabrizi ne li panni de Romolo Catenacci ner film de Ettore Scola C’eravamo tanto amati der 1976.

‘N personaggio cinico, strafottente, vorgare, egoista e cattivo: uno de quei ritratti che nun appassisce mai. Seduto su ‘na sedia a rotelle co’ ‘na coperta a quadrettoni sopra le gambe sciancate, gridava ar genero Gianni Perego, interpretato da Vittorio Gassman: “Io nun moroooooo!”. ‘Na frase che sentita oggi c’ha tutta l’aria de ‘na minacciosa profezia che s’è avverata in pieno.

E ‘nfatti, se sa, er brutto fenomeno der “palazzinarismo” a Roma è duro a stirà li zoccoli.

Nun more no. Anzi, je da giù alla grande senza opposizioni, tra metrate cubiche de cemento, muratori e cantieri. Nell’anni in cui la capitale se doveva rifà nova se so’ messi sulla coscienza certi capolavori come la Majana, li borghetti der Latino e der Prenestino, o quartieri come li Cessati Spiriti. Mo, invece, partoriscono senza doglie complessi senz’anima appiccicati a enormi centri commerciali che costano pure ‘na vagonata de sordi.

No, nun more. Nun more mai. Se allarga senza freni come er territorio de ‘sta città, ‘ndo li terreni edificabili vargono come diamanti, mentre li palazzinari, dopo essese comprati li giornali pe’ tenesse tutti boni, s’abboffano de SUV, de rolex d’oro e se ne vanno in vacanza in Sardegna cor cabinato de trenta metri.

Quarcheduno c’aveva pure provato a dì che toccava stà ‘n campana. Quarcuno che ha lottato contro li sventramenti e contro la speculazione edilizia servaggia. Omini come Antonio Cederna, politico della Sinistra Indipendente che se battè pe’ fa’ er Parco dell’Appia Antica che rischiava de esse sepolto da ‘na bella colata de cemento. Come er sindaco Giulio Carlo Argan, che impedì la costruzione de ‘n albergo a quattro stelle a Villa Piccolomini, davanti a uno de li mejo panorami de Roma. O come Aldo Tozzetti, fondatore der SUNIA, er sindacato dell’inquilini, che delle lotte contro li palazzinari è stato uno de li simboli.

Ma pe’ raccontà ‘sta storia tocca fà ‘n antro passo indietro. Tocca tornà ar Dopoguera, quanno, ‘na vorta finiti tutti i bei discorsi sulla nova Costituzione e su li diritti fondamentali su cui doveva nasce la repubblica, ‘n antro esercito fatto de muratori armati de badili e cariole se sostituiva a li partigiani.

Li generali de sto esercito se compravano a du’ lire le antiche proprietà terriere de nobili finiti in bolletta, e così, una appresso a n’antra, nascevano le borgate, tirate su senza impianti fognari decenti, senza ‘no straccio de ‘n servizio, senza autobus e a vorte senza manco le strade.

Ce sta ‘n antro film co’ Nannarella, L’onorevole Angelina, che fa vedè sta situazione dall’occhi de ‘na borgatara che abita co’ la sua e co’ antre famije nelle baracche de Pietralata, fatte costruì dar Commendator Garrone su ‘n suo terreno a rischio esondazione.

A furia de baccajà, Angelina diventa ‘na paladina della pora gente, rischianno perfino de finì eletta in Parlamento: combatte li speculatori e riesce a ottenè grossi risultati come lo spostamento der capolinea dell’autobus de zona.

Quanno li palazzinari cominciano a corteggialla, sora Angelina se trova ‘ntontonita dalle loro lusinghe e dall’inviti alle lussuose feste che je facevano, speranno de comprà er suo silenzio e la sua benevolenza co’ ‘n elemosina de lusso.

Ner frattempo, li sostenitori sua stavano a occupà le case che er Commendatore stava a costruì là vicino, lascianno le stade della borgata che co’ la pioggia erano diventate delle paludi. E che potevano fa’? Armeno pe’ ‘na vorta l’occupazione de li palazzi de chi stava a speculà sulla vita dei poveracci c’aveva er sapore de ‘na rivincita. De ‘n risarcimento mai abbastanza proporzionato.

E le marane? Quei mille ruscelletti che da sempre circondavano Roma come serpentelli strisciati fori dar vecchio fiume ormai imbrijato dalle costruzioni erano er mare dei borgatari. Come li fossati de li castelli medievali erano li confini liquidi de ‘na periferia che se ‘ngrossava quanto più er centro storico se faceva “rispettabile” mannanno via li sua originali abitanti.

Quella che mo è la Palmiro Togliatti ‘na vorta era ‘na marana, così come li dintorni de Torpigna, ‘ndo mo ce sta via della Marranella, era tutto ‘n paesaggio acquatico.

A Prima Porta, a Porta Metronia, a Porta Furba, a Primavalle c’erano antri fossi, già parecchio ridotti pe’ li lavori de sbarramento der Tevere completati dopo l’Unità d’Italia.

Stavano là già da prima de Romolo e vennero ingranditi nei secoli pe’ cercà de domà er fiume, pe’ colmà le piene e fà sfogà la corente.

Nun se pò certo dì che fossero posticini carini ‘ndo campà, calcolando che ogni vorta che ce stava ‘na piena ste marane sortivano fora nelle strade già dissestate, allaganno le casupole e rennenno la vita de le persone che ce abitavano ancora più amara der solito.

Co’ la scusa de bonificà ste zone, però, le marane sò diventate asfalto attorno ar quale li terreni circostanti se trasformarono nell’area de caccia perfetta pe l’avidi palazzinari romani.

Quanno er poro Cederna je dette dei “vandali del paesaggio”, quelli erano già diventati ‘na casta intoccabile fatta de imprenditori der regresso e della non vita, e co’ ogni probabilità se saranno fatti na grassa risata.

A falli ride de meno, forse, sarà stato er ritratto che j’ha fatto Scola in quer meravijoso film che ripercore de ‘n fiato trent’anni de storia de Roma e che c’ha lasciato in eredità.

Quer Fabrizi ammalato, incazzato e rinchiuso nella sua prigione d’oro all’Olgiata, pe’ la quale s’era tenuto tutto er verde ch’aveva rubato a li romani. “Io nun moroooooo!”, strillava ar genero che era peggio de lui, pronto ar granne salto da compie ripulendo dar dialetto romanesco quer cinismo infame che ‘nvece nun sarebbe mai cambiato. Ma in realtà era già morto. Ancora nun lo sapeva ma a mette le mani sulla città ora ce stavano antri barbari, che hanno fatto ‘n sacco a sta città peggio de li Lanzichenecchi. Personaggi pe’ li quali le marane erano solo ‘no spazio in più su cui tirà su ‘n palazzone, e er centro storico ‘n tereno de conquista pe’ chi se poteva accaparrà ‘na casa da venne ar mijor offerente a prezzi stellari.

Cederna, in totale bona fede, li chiamò sortanto vandali. Me scuserà, ma me pare ‘n po’ pochino. ‘Sti soggetti hanno massacrato la città più bella der monno e l’anno resa ‘n enorme periferia da cui sembra pure impossibile uscì. Co’ li loro cubi de calce e cemento armato, co li quartieri dormitorio che hanno fatto costruì al loro esercito de poveracci senza arternative hanno murato er core de li romani, che a forza de rimanè carcerato se sta a incattivì pure lui. Questa nun è solo l’opera de ‘n vandalo. È ‘n crimine che nun se pò perdonà. È ‘n omicidio in piena regola. Hanno ammazzato Roma.

 

 

Di Er Principessa

Illustrazione di Valerio Grigio Paolucci

 

 

LEGGI ANCHE: Casetta popolare de Trastevere, Le case vuote di Trastevere, Donna Olimpia La Pimpaccia, Der becero commercio