Mentre segava un Arbero d’Olivo

un Tajalegna intese ‘sto discorso:

— Un giorno, forse, proverai er rimorso

de trattamme così, senza motivo.

 

Perché me levi da la terra mia?

Ciavressi, gnente, er barbero coraggio

de famme massacrà come quer faggio

che venne trasformato in scrivania?

 

— Invece, — j’arispose er Tajalegna —

un celebre scurtore de cartello,

che lavora de sgurbia e de scarpello,

te prepara una fine assai più degna.

 

Fra poco verrai messo su l’artare,

te porteranno in giro in processione,

insomma sarai santo e a l’occasione

farai quanti miracoli te pare. —

 

L’Arbero disse: — Te ringrazzio tanto:

ma er carico d’olive che ciò addosso

nun te pare un miracolo più grosso

de tutti quelli che farei da santo?

 

Tu stai sciupanno troppe cose belle

in nome de la Fede! T’inginocchi

se vedi che un pupazzo move l’occhi

e nun te curi de guardà le stelle! —

 

Appena j’ebbe dette ‘ste parole

s’intravidde una luce a l’improviso:

un raggio d’oro: Iddio dar Paradiso

benediceva l’Arbero cór Sole.

 

 

Di Trilussa

Illustrazione di Giulia Gardelli

Leggi anche: Caffè del ProgressoNinna nanna dell’innovazionePresunzioni