Abitava a via della Scala, dopo ‘a piazzetta.

Lo chiamaveno Maurizio, detto Er Puzzetta,

pe’ via de quell’aria da narciso un po’ guascone

non je se poteva da contro, era un rosicone.

Là, dove prima ce trovavi er matto de quartiere,

bottegai, robbivecchi e ladri de mestiere,

se ne stava co’ la famija sua. Vedelli era ‘n piacere.

Dentro casa ‘na tarantella. Tre fratelli e ‘na sorella,

tre nonni (uno defunto), e quarche anima gemella.

Poraccio, non faceva manco in tempo a presentalla

che subito je dicevano: “Che aspetti a sposalla?”

Un gran frastuono. Du’ stanze, un plutone de gente,

chi strillava de più, c’aveva ragione. Non se capiva niente.

Apposta usciva. Stava sempre ‘n giro, pe’ le Mantellate

a fasse l’ossa, a riposà le orecchie. Passava le giornate.

Altre volte lo trovavi alle cancellate der Cosimato

a tirà carci ar pallone, fino che n’era consumato,

oppure alla pescheria Da Pescetto, er cugino svitato.

Un paese circoscritto, bene o male te conoscevi:

“Mario è entrato ‘n Poste!” Da mò che ‘o sapevi;

“Er fijo de Sergio se sposa co la fija der macellaro.”

Che affare. Sarà racchia, ma se pija tutto er cucuzzaro!

Microcosmo affettuoso, che da esterno garantisco

a sentillo raccontà, dato l’esito me intristisco.

Er processo fu progressivo. Sto scenario pittoresco

venne meno. Certo direte voi, sembrerà grottesco

eppure er principio der Dio denaro non fa sconti.

Er centro è bello. Quarcuno cominiciò a fasse du’ conti.

Quelle che erano le solite facce annavano scomparendo,

ce rimaneva solo Er Puzzetta a dì: “Non m’arendo!”

Le romane prosperose e li galletti trasteverini

divennero cameriere e scoribande de aguzzini.

Le case vecchie e vissute, rigonfie de calore

crollavano piano piano. Ce rimaneva solo l’odore.

Chi annava fori in borgata, co’ termosifoni e ascensore.

Chi venneva all’americano, grande investitore.

La casa de Maurizio, caciarona a più non posso

divenne doppia luxury pe’ ‘n appartamento de lusso.

Er padre co’ la vendita, ce comprò er testamento:

un camion novo pe’ le consegne. Pareva contento.

Se spostarono da li zii a Fidene, per il momento,

ma de tutto ‘sto gioco er figlio, provò sgomento.

E poco dopo pure er padre, che pe’ dà ‘na sicurezza

cedette ignaro, tutta quella bellezza.

Ebbe sfortuna a lavoro, andò ‘na monnezza.

Je subentrò pure a lui, magone e tristezza.

Ecco che qui, entrò in gioco Er Puzzetta.

Je calò la spocchia, ma non se diede pe’ vinto,

tornò alla Scala rosso ‘n faccia, pareva dipinto.

Pe’ ripijasse er quartiere, smove ‘a situazione,

pe’ rimedià ‘n affitto, o ‘na sublocazione,

raggiunse la piazza, esclamò da lontano:

“C’è qualcuno quaggiù che ce pò dà ‘na mano?”

“Caccia i sordi a Puzzè, e poi ne parlamo…”

 

Lorenzo Ventura

 

Leggi anche: Lo sfrattoLa bucaEr salice piangente