I SOGNI DI PAOLETTO LION

All’improvviso na nube de nero ha oscurato tutto. E te pareva, de sti tempi manco se pò pensà d’uscì che t’ariva er diluvio universale, me so detto affacciandomi dalla finestra pe verificà coll’occhi mia. Passaveno du regazzini là sotto:

-A regazzì, che se dice? Viè a piove?

-Ma quale pioggia Sor Paolé -me risponne uno- Quella è na torta gigante, piena de cioccolato e de frutti e de crema, nun la vedi?

Anvedi questi, c’hanno sempre voja de scherzà, famme scenne va. Me so vestito n fretta e furia so sortito pe strada.
Ho arzato l’occhi ar cielo ed eccole là, du torte giganti, bellissime e colorate ad oscurà la luce der sole. Porco di un Giuda, ma che sta a succede? Me so guardato intorno, nun ce stava nessuno, s’ereno tutti rintanati in casa pe la paura. Quello ch’è n sogno pe n bambino, pò esse n’incubo pe l’omini adulti. Morti schiacciati da na montagna de cioccolato, na bella fregatura. Ma che ve devo dì, me so sentito coraggioso e ho deciso de restà là fori. De corsa me so catapultato verso er Gianicolo, pe vedè meglio. In giro un silenzio assordante…
Tutt’a n tratto du fasci de luci da ogni torta se so indirizzati verso quattro palazzi e dei mostri giganti, fatti de gelatina, viscidi e senza forma se so infilati dentro a ste case che, in un batter de cija, se so trasformate anch’esse in torte. Porco Giuda maledetto, quella è casa de Marietto e quell’artra della sora Giovanna. N brivido m’è corso pe la schiena e senza pensacce me so ricatapultato dentro ar rione. Sotto casa sua, ce stava Marietto mezzo nudo che piagneva e strillava e provava a entrà ner portone de panna che però lo faceva rimbarzà via, dolcemente, senza ferite.
-Marié, viè a casa mia, qua sta a succede quarcosa de strano.
Dopo sti fatti, le torte giganti e i loro fasci mostruosi se ne so ritornate da dove venivano, senza rumore, senza ferite. Qualche famija aveva perso la casa, ma in fonno, nessuno s’era fatto male. E la vita de tutti li giorni era ricominciata.
Ar baretto però nun se parlava d’artro e dopo varie ipotesi la gente aveva deciso: “so li marziani, ce vonno conquistà e lo fanno a modo loro”. Marietto, la sora Giovanna e l’artri delle case sfrattate giuraveno che dentro casa ereno entrati certi mostri giganti fatti de gelatina, li stessi che avevo visto io, che s’erano piazzati lì e che in un istante avevano modificato tutto l’arredo. La sora Giovanna nun se dava pace: M’hanno traformato la credenza de nonna in una jacuzi de pasta frolla st’infami, pora me, come farò?”.
Nei mesi successivi, ste torte marziane ereno tornate, ed ogni vorta s’ereno prese qualche casa e pure er baretto nostro. Nun sapevamo più che pesci prenne, nun sapevamo come combatteli. Dentro a certe case ce vivevano du o tre famije insieme. Da me ce stavano ormai Marietto, Peppe, Nino e Marcellina, a dormì come se poteva. Pe strada nun c’annava più nessuno de noi. C’avevamo paura. Pure a mollà casa nun ce la sentivamo, che co sti marziani, se dicevamo, è n’attimo che te solano e te trovi a rimbarzà contro na porta de panna infrangibile. La gente, l’amici, cominciavano ad annassene dar rione.
Le voci e le testimonianze ereno diventate realtà. Sti mostri de gelatina ereno ormai tranquilli e sortivano de casa. Manco ce guardavano, manco ce salutavano. Uscivano e stavano fra de loro, a fa gli affari loro finché nun ritornavano alle loro torte. Nun c’avevano più bisogno d’espandese, e quotidianamente arrivava na torta dar cielo che trasportava turisti marziani in questi resort che s’erano costruiti qui. Ormai lasciavano le finestre aperte e noi vedevamo che stavano lì dentro spaparanzati a fare festa, con piscine de crema e fontane che sputavano liquori. N’orgia continua. Na continua orgia silenziosa. Solo in un modo interagivano co noi. Quanno che qualcuno pe sbaglio parlava pe strada, quelli tutti insieme s’impilavano davanti alle loro case de torta, come na serie de guardie svizzere e l’occhi je diventavano de foco. Mettevano na paura tale che nessuno più s’era azzardato non te dico a urlà, ma manco a bisbijà pe strada.
S’eravamo ritrovati a vive in cinque o sei dentro casa e a non poté manco più uscì. Se poteva parlà solo fra quelle quattro mura. La musica se epoteva sentì solo co l’auricolari e la televisione pure. Li bar e li ristoranti avevano dovuto ritirà dentro tutte le sedie e li tavolini, e alcuni, pe sta raggione, avevano dovuto chiude baracca. Solo i bar e ristoranti marziani, avevano lasciato le loro poltrone de pasta frolla, dove potevi vedé sti mostri giganti e viscidi spaparanzarsi e godesse la bella aria der rione nostro. Ogni tanto c’andavo pur’io, pensanno de faje n torto, a sbracamme sulle portrone loro. Ma quelli non me filavano de pezza e dopo n po’, costretto ar silenzio me ne ritornavo dentro casa, a bisbijà co l’amici miei. Ce chiedevamo che problemi ce potevano avé sti marziania coi rumori:
-Nun se semo ribellati, l’amo lasciati fa’, questi manco ce guardeno, ma come aprimo bocca ce fanno capì che so pronti a distruggece!
-E che ne so, saranno ipersensibili.
-Ao seconno me è na cosa commerciale. Questi so venuti qui coi loro resort e nun ce vojono a noi. Vojono solo le nostre belle strade da fà vede ai compari marziani loro -argomentava Aldino, proprietario der baretto.
-Come famo ad annà avanti così? Se dovemo trasferì! -se lamentava la sora Giovanna.
-Sora Giovà c’hai ragione, ma prima ce dovemo provà. Famoje vedé che ce stamo pure noi e che semo aggueriti. Famojela vedé a sti marziani che se vonno pija tutto, che ce vonno trasformà e facce diventà come loro, co le loro abitudini. Che nun c’avemo più manco na bella osteria andove fasse na pajata come se deve. Famojela vede che a noi nun ce sta bene de dové sta in silenzio e de magnasse la carbonara co li frutti de bosco come ‘a fanno loro. Nun potemo sta rintanati e nun se ne potemo annà senza fà gnente. Se dovemo ribelllà… -s’era incazzato Mastro Gino, un grande oratore, nonché proprietario der ristorante più vecchio der rione, ultimo baluardo espugnato dai marziani imprenditori. E noi se semo fomentati co’ lui. Da allora, pe quarche giorno, avevamo organizzato na rivorta, nell’unico modo che conoscevamo: divertendoci, vivendo la strada, ballando e cantando. Cor vecchio metodo dei bijettini avevamo organizzato sta giornata de rivorta, se sentivamo dei carbonari, pronti a ribaltà sto nuovo ordine che nun ce rispettava.
Arrivò er giorno e tutti l’omini e le donne der rione s’erano riuniti nella piazza centrale. Roba da magnà e da beve, casse pe la musica, strumenti d’ogni tipo pe ballà e cantà. Era tutto pronto ma nun s’era sentito manco n fiato. La gente aveva paura. Poi Mastro Gino aveva cominciato, ar microfono, a cantà, da solo. Qualcuno s’era unito ar coro e subito un paro de mostri s’erano affacciati e, più alti dei palazzi, avevano assunto quella forma de sentinella che sputa foco dall’occhi. Dopo n attimo de terrore, spontaneamente tutti quanti s’erano messi a cantà a squarciagola. Le du sentinelle s’ereno ritirate. Sembrava na vittoria. Poi, d’improvviso, non c’era più n palazzo, nun c’era più er cielo: eravamo circondati da migliaia di enormi e gelatinose sentinelle sputa foco e sopra de noi na torta gigante preparava er fascio de luce. Ar buio, ner terrore più totale, s’eravamo stretti l’un l’altro, ammutoliti. Dopo qualche minuto de silenzio gli occupanti marziani s’erano ritirati nei loro resort e la luce era tornata. Con le lacrime all’occhi, eravamo tornati nelle nostre case senza fiatare. Non parlavamo più manco dentro casa, manco bisbijavamo più. Eravamo terrorizzati ed il silenzio era sempre più assordante…

 

Porco Giuda so fracico n’artra vorta, dentro ar letto, da solo. Marietto nun ce sta più. Nino, Peppe e Marcellina nun ce stanno più. De fori er sole splende e me vado a fa na passeggiata, quatto quatto. Nun fiato. “A bello Paolé -me urlano dalla finestra- ben svejato eh!”. Me giro spaventato: “Shhhhhhhhh, ma che sei matto” – bisbijo. “Anvedi questo…” -me incalzano alle spalle. Me ne vado, veloce e silenzioso. Cammino a testa bassa finché per caso nun me ritrovo sotto casa de Marietto, l’amico mio. Marietto s’affaccia: “Paolé sto a scenne, annamo a pija er caffè ar baretto”.
Rimango un po’ interdetto. Li marziani che ce stavano a caccià pe’ fasse i resort loro do so finiti? Ce penso n po’…
-A Marié, nun pòi capì che m’è successo! Ieri sera me stavo a legge n racconto de Gianni Rodari, na cosa pe bambini, se chiama “La torta in cielo” e poi all’improvviso me so addormentato e so arrivati li marziani…

 

 

Di Paoletto Lion

Illustrazioni di Elisa Lipizzi

Leggi anche: Un dio infame, che manco se proclama tale; Er colloquio de lavoro