LA ROMA DEL CINEMA

 

Roma città aperta

Regia: Roberto Rossellini

Soggetto: Sergio Amidei, Alberto Consiglio

Sceneggiatura: Sergio Amidei, Federico Fellini, Ferruccio Disnan, Celeste Negarville, Roberto Rossellini

Cast: Aldo Fabrizi, Anna Magnani, Marcello Pagliero, Maria Michi, Carla Rovere, Francesco Grandjacquet, Giovanna Galletti, Harry Feist, Vito Annichiarico

Paese di produzione: Italia

Anno: 1945

Durata: 100′

 

Sinossi

Subito dopo l’armistizio di Cassibile, gli Alleati sbarcano in Italia e cominciano l’avanzata verso nord. Devono ancora raggiungere Roma, dove la resistenza opera già da un po’. Tra i comunisti militanti più attivi c’è Giorgio Manfredi, che sfuggito da una retata della polizia, si nasconde da Francesco, tipografo antifascista e promesso sposo di Pina, una donna vedova, già madre del piccolo Marcello. Ad aiutare i giovani della resistenza c’è don Pietro, il prete del luogo, che sostiene i partigiani e protegge come può i perseguitati politici.

 

Curiosità

Roma città aperta è la prima pellicola della Trilogia della Guerra Antifascista, la genesi del film inizia nel 1944, pochi mesi dopo la Liberazione di Roma. Inizialmente il film doveva intitolarsi “Storie di ieri” ed era stato concepito come un documentario su don Giuseppe Morosini, sacerdote realmente vissuto a Roma e ucciso dai nazisti nel 1944. La pellicola segna anche l’esordio come doppiatore di Ferruccio Amendola, che presta la propria voce a Vito Annichiarico.

 

 

Di Alice Catucci

Illustrato da Wuarky

Leggi anche: Roberto Rossellini il combattenteTotò cerca casa