© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Paguro. Se racconta che...

July 20, 2018

Illustrazione di Marta Bianchi 

 

Se dice che ‘npo’ d’anni fa, pe’ le vie del rione nostro, bazzicava un tizio piuttosto particolare: la gente de qua lo chiamava er Paguro.

‘Sto soprannome j’era stato dato pe’ dei modi de fa che c’aveva: non usciva mai, se ne stava sempre rintanato in casa, se dice che leggesse. Pare che stesse tutto er giorno a casa, a legge. Non je piaceva da uscì, né d’annà a beve o a perde tempo a prenne er sole ar bar. Non je sconfinferava manco d’annà a rimorchià in giro. Non faceva nulla, tutto er giorno, tutto l’anno. Pure li sordi non je servivano: se dice ‘nfatti che la madre (così m’hanno detto, io non ne so nulla), grazie ar lavoro più antico der monno, j’aveva lasciato un bel gruzzoletto più la casa de via der Moro. E ‘nsomma Paguro passava le giornate a casa, (pare) a legge.

Ce stava pure ‘na ragazza, caruccia ma ‘n po’ in carne, al limite dall’esse ‘na ciciona che s’era rintontolita pe’ lui. Nun se capiva come, visto che quello non metteva er naso fori de casa. Però lo si capiva da come se spizzava la finestra de Paguro e da come diventava tutta ‘n peperone quanno che lo incontrava ar volo pe’’e strade, quelle rarissime volte che je toccava da uscì. 

All’inizio nisuno capiva perché s’era invaghita de ‘n tizio tale, e manco se capiva come e quanno. Poi se scoprì che era lei a portaje la spesa a casa, e certe volte pure qualche piatto già pronto. In fondo, era l’unica ad avecce un rapporto co’ lui. E così, mentre che Paguro n’ se la filava pe’ gniente, Rosella nel vedello tanto calmo e silenzioso s’era cotta e fantasticava de facce le cose e de sposasselo.

C’era però ‘na cosa che a Paguro je piaceva fa, la faceva tutti l’anni e pe’ questo se dice che la gente lo considerava ancora più strano: tutti l’anni, alla festa de’ Noantri, er Paguro usciva fori de casa pe’ fà li scherzi che tanto je piacevano. Se poteva pure non vedé pe’ n’anno ‘ntero, ma poi durante la festa stavi sicuro che o lui o la firma sua usciva fori. In certi tempi era più certo da vedé lui che la processione stessa. Infatti era ormai argomento de chiacchiera: “ao che ce combinerà quer matto der paguro st’anno?” “ma che ne so a me me sta qua sur gargarozzo quello là” “ma che sta dì, armeno ce fa fa du risate e daje!” “ma quali risate quello è ‘no strano, ma l’hai visto, quello è matto proprio”.

Diversi giudizi, diverse aspettative, ma ar Paguro non je ‘nteressava pe' gnente e continuava a fa quello che je piaceva. Ne faceva certi tanto elaborati che molti se credevano e dicevano ste cose: “n’è pe gnente vero che quello sta a legge tutto er giorno..n’hai capito ch’è matto? Quello sta tutto l’anno a progettà sti scherzi der cazzo!”

Paguro se poteva vantà de ‘n palmarès de ‘n certo livello: aveva manomesso un tombino pe’ fa cascà er sacrestano come ‘na pera cotta, costruendoci ‘na botola de salvataggio pe’ nun fallo morì; aveva inventato ‘na specie de macchina automatizzata pe’ fa ‘na bella pioggia de ova, proprio durante er concertino de Santa Maria; smontava li tavolini così da fa’ crollà tavolate intere non appena ce veniva appoggiato quer gomito de troppo, quer minimo peso in più; solo con un gancetto e con un filo era riuscito, 'na volta, a denudà davanti a tutti, in via della Scala, la bella de Trastevere, che se credeva tanto bella che pure che tutti la corteggiavano non ce stava mai con nesuno; ne aveva fatti pure tanti altri ed uno rimase davero ner core della gente.

Un giorno, e stavorta s’era proprio ingegnato, mentre che la processione passava pe' via de san Francesco, se cominciò a vede tutto fumo in direzione der Calisto. E poi urla che dicevano “a focooo”, “annamo a focooo”. La gente cominciò a corre e a scappà. 

 

Ce stavano quelli che corevano verso er fumo e quelli che corevano verso dall'arta parte, che se stavano, come se dice Roma (e me scuserete pe' ste parole, che non so' le mie, è così che m'hanno detto) a cacà sotto. Ma 'nsomma a 'n certo punto se capisce che tutti corrono, ma sto foco non divampa, e nun ce sta o nun se trova.

Pareva 'n mistero e la gente 'n ce capiva più molto. Fu er sacrestano a capire: “è stato quel fijo de 'na bona donna de Paguro, questa è l' opera sua, ma come avrà fatto stavolta?”

 

Se dice che forse da 'n terrazzo aveva fatto sto focherello e che 'n se sa come era riuscito a indirizzà er fumo; e sempre da sto terrazzo, andando ad ogni angolo a urlà, grazie ai rimbombi, pareva che le voci fossero tante e che venivano da punti diversi.

 

La cosa bella stava qua, che ‘sto scherzo, fatto apparentemente a tutta la comunità, era in realtà indirizzato a ‘n tizio solo!

Se dice ‘nfatti che Paguro c’aveva un nemico, un tizio con cui, ‘n se sa bene perché, se odiavano. Soprattutto quell’arto parlava sempre male de lui. E le voci giravano: “ao guarda che a me m’hanno detto che so’ fratelli quei due. La madre è la stessa, però quella, che a quer tempo non stava messa pe gnente bene, ha mollato er seconno a ‘na famija, altrettanto poraccia, ma bona de core”. Così se diceva, ma nisuno poteva sapello pe’ certo. 

Sto fratello, se dice e stavolta se sa pure, era un tizio bello e bravo, integrato, che difenneva li più deboli. Voleva esse l'erede der Più de Trastevere. Con la sua forza se schierava sempre co' li giusti.

 

Però cor tempo ‘sto fratello stava a diventà prepotente e s’era messo in testa de sostituisse alla giustizia, e ‘nsomma faceva come je pareva a lui. ‘Na volta addirittura, con ‘na scusa becera, dicendoje che non poteva stassene seduta lì, aveva aggredito Rosella co’ le parole, ma pure ‘n po’ co’ le mani. E j’aveva detto: “si te voi fa perdonà devi damme ‘n bacio e poi a sera devi venì a casa mia, se semo capiti?” E lei j’aveva risposto de tutto punto: “ma chi te pija a scemo, chi te credi d’esse? a me non me piaci manco ‘n po’, e levate va!!”.

Tutto st’ambaradam però era successo proprio sotto le finestre de Paguro, che a vedé sta cosa era sceso de corsa, contro tutte le sue abitudini, pe’ aiutà a Rosella. Er fratello però, con soriso beffardo, l’aveva guardato e spinto via facennolo ruzzolà pe’ terra. Poi ‘na combriccola de persone s’era messa in mezzo e quer fratello se n’era dovuto da annà, tutto arabbiato. 

Fu da quel momento che Paguro s’era messo a pensà a come fajela pagà. Annaje a menà non poteva, essendo quer fratello ben più grosso e forzuto de lui. 

Così, conoscendo qual’era er vero animo der fratello, che s’atteggiava tanto ma in realtà n’era poi così coraggioso, Paguro s’era inventato quel trucchetto ch’aveva funzionato davvero: Quanno, in mezzo a tutta ‘a gente, ci si cominciò ad accorge che fra quelli che s’erano cacati addosso, stavorta in senso letterale, ce stava pure l’erede d’ Er Più, la gente rise tanto de core che quer brutto fratellaccio che se stava a montà la testa se dovette subito rimette in riga.

E si capì pure n’artra cosa che fece tanto piacere a tutta ‘a gente der rione. Tanto che nisuno poté trattené un soriso non appena si capì che, in fondo, anche quer tizio strano de Paguro s’era ‘nnamorato de quella ragazza che già je voleva tanto bene!

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload