© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia: Lazzaro Anticoli, detto Bucefalo

February 7, 2019

Sono le sette di sera di un sabato qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fa du giri in osteria.

 

Oggi me sò letto la storia de uno: nun poi capì chi era questo! Se chiamava Lazzaro Anticoli, ma tutti lo chiamaveno “Bucefalo”, come er cavallo de Alessandro Magno. Mo te la racconto.

 

Diventò famoso, malgrado suo, già da regazzino. Era der 1917, e alla fine dell’anni Venti fu protagonista de 'n incredibbile caso legale.

 

Na mattina fu beccato da 'n controllore rompipalle a viaggià sur tram cor bijetto regolare, ma ch’era intestato a 'n antra persona, e pe sta fregnaccia fu denunciato addirittura pe truffa.

 

Er fatto scatenò 'n ampia diatribba giuridica tra li principi der foro de Roma, che se dividevano tra chi sosteneva che l’accusa fosse giustificata e chi invece pensava che pe parlà de truffa ce volesse ben altro.

 

A risolve la questione ce pensò la sentenza della XII sezione penale der Tribunale, che diede raggione a Bucefalo e fece fa na figura de melma all’amministrazione comunale, che s’era addirittura costituita parte civile contro sto poraccio.

 

Ma, purtroppo, questa non fu né l’unica né la più grossa disavventura capitata a Lazzaro durante la vita sua.

 

Crescendo, era diventato er mejo puggile delle palestre de Trastevere e uno dei mejo de Roma, conquistannose così na certa fama. Era giudio, viveva ar ghetto e nun c’aveva na lira pe fa cantà n cieco.

 

Se guadagnava er pane combattendo sui ring de terza categoria ma er sogno suo era quello de diventà campione nazionale.

 

E je l’avrebbe pure potuta fa se nun fosse stato pe la religione sua. Infatti, compiuti da poco vent’anni, fu costretto a lascià la carriera sportiva pe via dell’entrata in vigore delle leggi razziali del 1938.

 

Na vorta abbandonata la boxe, Anticoli se mise a fa er commerciante ambulante pe mantenè la moje, Emma Di Castro, e la fija che quella da poco j’aveva dato.

 

Ma la mattina der 23 marzo der 1944 Bucefalo finì in una retata delle SS ner ghetto e fu sbattuto a Regina Coeli.

 

A fa er nome suo ai nazisti era stata Celeste Di Porto, amante de Vincenzo Antonelli, uno de li capi della banda Bardi-Pollastrini, 'n gruppo agli ordini della Gestapo e delle SS, noto pe esse 'n cacciatore spietato d’ebrei.

 

Sta nfamona era na giudia, soprannominata la pantera nera, che se la faceva co li fascisti e venneva li correligionari sua a li tedeschi in cambio de sordi e della pelle sua e dell’amici sua.

 

Ma tornamo alla retata der 23 marzo: poche ore dopo ce fu l’attentato de li partigiani a 'n gruppo de crucchi a via Rasella e così Bucefalo fu messo da Kappler nella lista de li carcerati destinati all’eccidio delle Fosse Ardeatine.

 

Fu così uno dei 57 ebrei fucilati er 24 marzo, anche se nella lista ce capitò solo all’urtimo momento: al posto suo, infatti, ce doveva sta Angelo Di Porto, er fratello della pantera nera, ma er nome suo venne sostituito co quello de Bucefalo.

 

Quanno lo annarono a pija ar ghetto, Bucefalo, memore dell’arte nobile de cui era stato un talento, pijò a cazzotti tre fascisti mannannoli a quattro de bastoni, prima de arennese e esse portato ar gabbio.

 

Sur muro della cella 306, ar terzo raggio de Regina, prima de esse fucilato, incise co 'n chiodo la scritta: “Sono Anticoli Lazzaro, detto Bucefalo, pugilatore. Si nun arivedo la famija mia è colpa de quella venduta de Celeste Di Porto. Rivendicatemi”.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload