© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

I sogni di Paoletto Lion | Che potemo fà noi? Semo dei poracci

February 11, 2019

Io davero un vento non l'avevo mai sentito fischià così forte. Na gianna teribbile ha splancato tutte le finestre e le porte de casa e s'è infilata dentro ar letto mio avvolgendomi e acchiappandomi. Senza poté fa nulla m'ha arzato e so volato fori de casa, sbattuto pe tera. Insieme a me, n'attimo dopo, pure na vecchia valigia mia è arivata proprio lì accanto. Me ce so avvicinato e l'ho aperta: na coperta, du felpe, na giacca e quarche robetta de biancheria. Ao mbè? Che sta a succede? A Mariè, pure te? Ho arzato n'attimo l'occhi e me so accorto che centinaia de persone stavano sedute pe tera, co na valigia accanto. Quarcuno s'era arzato subito e de corsa aveva provato a rientrà in casa. Ma nun se poteva fà. Ar primo passo dentro ar palazzo, quello stesso vento 'nfame se 'nsinuava da dietro e riportava er malcapitato de fori, seduto pe tera. Capirai, dopo pochi minuti s'ereno create le file. Tutti l'inquilini, spaventati a morte, nun se davano pace e provavano a entrà nei palazzi: dai portoni, dalle finestre, da ovunque. Ma la risposta era sempre la stessa: fori, pe tera.

Capannelli de gente s'ereno creati nelle piazze: -Ao, ma checcazzo succede? -Me ne stavo nel letto e all'improvviso na gianna teribbile... -Lo sappiamo sor Paolé, lo sappiamo. -Ma avete provato a rientrà? -Amo provato, amo provato. Nun se po' fa!

Tutto er rione s'era così ritrovato sbattuto fori de casa. Senza un motivo, senza un colpevole. Na robba de magia pareva la risposta più plausibile.

-Vabbè provamo a vedé se tutta la città sta messa così. Aveva saggiamente suggerito qualcuno. Un gruppetto de missionari s'era proposto ed era partito, dividendosi, ognuno in un punto strategico: ponti, viali, salite. A quanto pare però nun se poteva uscì. Tornarono tutti dicendo la stessa cosa: -E c'hai presente quer vento maledetto che t'ha buttato fori de casa? Embè sta pure là. Ho provato a passà er ponte e me s'è insinuato da dietro e ma riportato all'inizio, sbattuto pe tera.

 

Rassegnati a nun poté avé risposte, s'eravamo provati a organizzà pe campà come mejo se poteva. Stavamo tutti pe strada: ricchi, poveri, de tutte le nazionalità e de tutti li mestieri. Nun eravamo boni a fà nulla e spesso er panico prenneva er sopravvento. -Che se magnamo mo? -Ao io nun riesco a trovà  un posto ar coperto, come faccio? Famme npo' de spazio qua sotto.

E così via, ognuno c'aveva quarche difficoltà. Ar seconno giorno pe strada er problema principale era la fame. Quarcuno aveva provato a entrà nei supermercati senza successo e la gente cominciava a disperasse. -La fine der monno!- se diceva. Pe fortuna nelle valigie d'ognuno c'era pure un po' de cibo necessario a sopravvive quarche giorno. -Dev'esse proprio na magia, pe forza. Pare fatto apposta.

Insieme a n'artri quattro poracci de zona, m'ero messo a parlà e avevamo concordato che forse quarcosa se poteva fà. Ce doveva pure stà quarcuno in grado de cavassela in una situazione der genere.

Ed infatti, quer quarcuno, ce stava. Piotr: agricoltore polacco di 65 anni, lasciato dalla moglie 15anni addietro, viveva pe strada da altrettanti anni. Romolo: er pittore della scala. Matto da legare, stava sempre a urlà e a cantà. Da che io me ricordo, vive, dorme, dipigne e urla su quelle scalette sotto alla collina der bervedere. Yusuf: nigeriano, 55 anni, magro come 'n chiodo. Ar paese suo era pescatore. Qui, da vent'anni, chiede l'elemosina e smonta biciclette rubbate nello stesso posto in cui vive: agli argini der fiume, sotto er ponte.

Individuati i nostri possibili aiuti, arcuni de noi ereno subbito partiti a cercalli. Dopo quarche difficoltà pe trovà Piotr, stazionario a Trastevere ma nomade ar suo stesso interno, tutti e tre ereno stati restii. -Che ve potemo fà noi? Semo dei poracci.- Era er succo delle loro risposte. Ma supplicandoli de fasse un giro co noi, avevano alla fine acconsentito. Gente che se disperava, chi moriva de fame, chi nun se dava pace e continuava a fasse sbatte culo a tera provando a rientrà in casa. -Ma che c'hanno questi? Perché stanno a urlà disperati? Che se so' impazziti? -Sor Romolè, ve l'avemo spiegato ch'è successo. Se semo ritrovati pe tera, sbattuti fori de casa, senza sordi, senza cibo. -Ho capito... embè?

Ereno così tranquilli che decidemmo d'affidacce a loro. In pochi giorni, st'incubo teribbile se trasformò in una specie de vacanza. C'era da lavorà, questo è vero. Ma d'artronde n'è che prima nun se lavorava. Comannati a bacchetta da Piotr, Romolo e Yusuf, il clima s'era disteso e la nova vita che s'eravamo ritrovati nun era poi così male. Nun ce stavano abbastanza posti che proteggessero dalla pioggia così con delle corde avevamo sradicato i cancelli che quarche tempo prima ereno stati montati intorno a varie chiese e artri posti: -Nun se possono lascià tutti sti spazi al degrado, ce vengono a dormì e a piscià, che schifo! E' na questione de senso civico.- Avevano detto. -Qua ce mettemo le sbarre sennò i teppisti scrivono sui muri. Er decoro prima di tutto.- avevano aggiunto.

Piotr aveva preteso che sor Giangaio fosse in prima linea. Che inaugurasse lui le nuove tettoie aperte a tutti. E così fu, senza che noi c'interessassimo ar perché. Quella sera facemmo festa tutti insieme, intorno a un falò, a cantà e ballà! Tutto cominciò ad annà per il mejo: s'era formato un gruppetto de pescatori, comannati da Yusuf che aveva insegnato a tutti come montasse le canne e dove prenne le esche. Piotr comannava dentro ar parchetto abbandonato da anni, quello sulla salita. Avevamo raccorto un boato de legna che usavamo pei falò, pe riscallasse e pe la brace. Quer parco abbandonato s'era trasformato in un orto formidabile. Cresceva de tutto: pomodori giganti, melanzane, broccoli, bieta, cicoria, cipolle... de tutto e deppiù. Na prelibbatezza pe la quale Piotr venne ribattezzato er mago Pietro. Sor Romoletto, invece, er pittore, aveva creato la più grande scola de pittura e de arti che avessi mai visto: centinaia de bambini e de ragazzi annavano in piazza, ognuno portava no scarto de quarcosa che aveva trovato e cor suo consiglio lo trasformava in una piccola operetta d'arte.

Dopo mesi, s'eravamo tutti abituati a sta nuova vita. Era na bellezza. Se stava sempre tutti insieme. Mai avevo visto sto quartiere così bello. Ad ogni angolo ce stava quarcosa da fà. Li vecchi giocaveno a carte, li regazzini se inventaveno giochi nuovi. Tutte le strade nun c'avevano più manco un secchio de monnezza. Tutto ciò ch'avevamo lo riutilizzavamo, pe facce un'opera co Romolo, o no strumento quarsiasi. All'anima dell'incubo, questo è n sogno... artroché! Si c'avevi fame passavi da Piotr e da Yusuf. Si te volevi scolà na bira bastava passà vicino ar carcere, dove n gruppetto de detenuti, pure loro sbattuti de fori, s'ereno messi senza perde tanto tempo a produrre bira grazie ar grano de Piotr. S'ereno imparati dentro.

Un giorno, passeggiando sovrappensiero, pensavo a quanto strano era er monno, sta vita de imprevisti e de ribaltoni, me ritrovai a fa delle scale, a entrà in coridoio e pijamme n pezzo de formaggio dentro ar frigo. Ero a casa. Ero de novo a casa. Impazzito so corso de fori a urlà che se poteva fà, finarmente se poteva rientrà a casa, l'incantesimo s'era spezzato. La gente subito me venne a chiede spiegazioni. In artri tempi un matto che urla pe strada nun l'avrebbe ascoltato nessuno, ma eravamo cambiati. Piano piano tutti rientrarono in casa.

Da allora però, nessuno mai più, dentro a sto bel rione, ha più chiuso la porta de casa. Er rione dalla porta aperta ce chiamevamo, e ne eravamo orgogliosi. Le attività continuarono, l'orto, la pesca, le arti de Romoletto, la bira dei carcerati. La gente viveva pe strada... i saluti, le risate, le grida.

Un brusio continuo e piacevole animava le nostre orecchie, finché un improvviso rumore metallico e potente, come 'n cancello che se chiude all'improvviso, m'ha fatto zompà pell'aria...

Lo zompo l'ho fatto davero, sì, ma dentro ar letto. Me arzo, me metto du cose e senza manco guardà  provo a uscì, ma intruppo nella porta. È chiusa. La apro, titubante, e scendo le scale. Er portone: chiuso. Apro ed esco. La piazza, è vota, ce sta giusto un mucchio de monnezza ar centro. Un carabiniere sta gentilmente facendo alzare Piotr da sotto i banchi der mercato. Quarcuno, dice, s'è lamentato: i bambini c'hanno paura, nun giocano se resta lì. Giro la testa verso la chiesa: i cancelli so chiusi. De novo. Pieno de inferriate protettive e scaccianti lungo na miriade de muri, intorno ai giochi, dappertutto. Me rendo conto... Passo ar baretto, pijo du caffè e du supplì da portà via e scenno ar fiume, da Yusuf.

 

-Me chiedevo se sta città cambierà, prima o poi. C'ho na paura de rimané solo, bello mio. Qua è tutto chiuso, semo costretti a chiudece. Ce fanno avé paura de tutto. Ce parleno de civirtà, de degrado e de ordine. Io fra npò nun c'ho manco quarcuno co cui parlà, nun sarà npo' più grave?

Ma te dico la verità, na speranza ancora ce l'ho, ho fatto n sogno bellissimo stanotte, te lo racconto si te va.

 

Illustrazioni di Elisa Lipizzi.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload