© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia: Giuditta Tavani Arquati

February 15, 2019

Sono le sette di sera di un venerdì qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fa du giri in osteria.

Te vojo raccontà la storia de na vera eroina de Trastevere: era nata all’isola Tiberina e se chiamava Giuditta.

 

Era la fija de Adelaide Mambor e Giustino Tavani, ‘n vecchio difensore della seconna Repubblica Romana che s’era dato in esilio a Venezia dopo che s’era fatto ‘n ber po’ de gabbio nelle carceri vaticane.

 

Insomma, se pò dì che la regazzina crebbe in un ambiente leggermente laico e repubblicano che ne forgiò de brutto lo spirito e li principi.

 

Sempre a Trastevere, a San Crisogono, se sposò che c’aveva quattordici anni pe’ puzza, er 22 luglio 1844, co Francesco Arquati, che aveva conosciuto perché bazzicava la bottega de stoffe che c’aveva er padre.

 

Li du sposi combatterono insieme pe difenne la Repubblica Romana dall’assedio de li francesi, fino a che, ner 1849, se dovettero arenne e se n’annarono co Garibaldi verso l’Adriatico, dove se rifugiarono a Venezia.

 

Là Francesco prese parte alla vita politica locale, diventanno membro der governo della città e arivanno a ‘n soffio dalla nomina a priore.

 

Ma er richiamo de Roma era troppo forte e così Francesco e Giuditta iniziarono er loro viaggio de ritorno verso casa, verso Trastevere.

 

Ereno ancora ricercati quanno passarono l’Emilia Romagna, continuanno sempre a cospirà, e se trasferirono a Subiaco, a pochi chilometri da Roma, dove tornarono de nascosto ner 1865 pe’ orgnaizzà la liberazione.

 

Na vorta arivati a Trastevere, iniziarono a frequentà er lanificio de 'n altro patriota, Giulio Ajani, che stava alla Lungaretta.

 

Questo, come Francesco Arquati, era ‘n affiliato all’Associazione italiana, de cui fu eletto pure caposquadra e, co ogni probabilità, anche alla massoneria.

 

Dentro ar lanificio suo aveva creato ‘n centro clandestino che doveva coordinà li moti insurrezionalisti che sarebbero dovuti culminà, nell’ottobre der 1867, co l’ingresso a Roma della colonna comandata da li fratelli Cairoli.

 

La mattina der 25 ottobre der 1897, mentre Garibaldi era a ‘n passo da Roma e se pijava Monterotondo, na quarantina de patrioti, de cui 25 romani, se diedero appuntamento ar numero 97 della Lungaretta, ner lanificio de Ajani, pe cercà de capì che se doveva fà pe daje na mano.

 

Stavano a proggettà na sommossa pe fà insorge la città contro er papa, che era Pio IX, speranno che ner frattempo l’eroe dei du monni se sbrigasse a entrà a Roma, anche perché ner lanificio c’avevano solamente ‘n po’ de cartucce e ‘n piccolo arsenale.

 

A sta riunione pijò parte pure Giuditta, nonostante fosse gravida, cor marito Francesco e uno de li tre fiji che già c’avevano, Antonio.

 

Na pattuja de zuavi, ‘n corpo militare dello stato pontificio fatto de volontari francesi, belgi e olandesi, verso mezzogiorno arivò da via del Moro e attaccò er lanificio de Ajani.

 

Co gran coraggio, li patrioti provarono a resiste ar foco nemico, ma in poco tempo li zuavi riuscirono a imboccà ner lanificio.

 

Arcuni tra li congiurati riuscirono a telà, mentre altri furono acchiappati dalle truppe ar servizio der papa.

 

Sotto ar foco nemico, però, furono ammazzate nove persone, tra cui la nostra Giuditta Tavani Arquati, corpita da na fucilata incinta der quarto fijo, er marito e er giovane Antonio.

 

'A figura de Giuditta diventò presto ‘n simbolo de Trastevere e della lotta pe la liberazione de Roma, e così, ner 1887 venne fondata n'associazione in suo nome, sciolta durante er fascismo, sede de molte iniziative laiche e anticlericali.

 

E proprio er lavoro de st’associazione, er primo novembre der 1909, fece sì che piazza Romana, che se trova proprio dietro er lanificio de Ajani, pijasse er nome de piazza Giuditta Tavani Arquati, ndo ce sta na lapide che ricorda l’eccidio der lanificio, citato pure nei film “In nome del Papa Re” de Luigi Magni e “Correva l’anno di grazia 1870” de Alfredo Giannetti.

 

Leggi anche: Na storiaccia: Lazzaro Anticoli, detto Bucefalo

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload