© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Racconti trasteverini | Me piaceva er caffè co lo zucchero

February 20, 2019

Me piaceva er caffè co lo zucchero, me ne piavo 4 ar giorno. L'amici mia però me dicheno che se lo pio co lo zucchero vordì che nun lo so beve er caffè, che è da regazzini e che me devo solo abbituà. Allora mo me pio er caffè senza zucchero da 'n par de mesi, vado ar bare che è più bono e me ne pio due ar giorno coll'artri. A me nun me piace er caffè senza zucchero e quindi c'ho avuto st'idea: subito dopo che torno dar bare vado all'altro bare, quello più lontano, e me pio er deca co lo zucchero, che tanto pure se me beccano nun me ponno dì gnente perché je dico che è tardi e nun me posso prenne er caffe vero, sennò nun dormo. È der sapore che nun ne posso fà a meno. Ce lo sanno. Nun me lo ponno dì che so regazzino.

Allora me decido e un giorno, dopo er secondo caffè coll'artri, me ne vado de corsa all'artro bare, che già che ce sto me faccio pure la giocata, stavorta nun la posso nun pià: la Roma fa cor Parma e la Lazzie co la Spal, cazzo de nome... la Lazzie. Nun posso perde mai stavorta. Arivo ar bare e ordino subbito er deca. Per fortuna Remo, che è lavoratore vero, sia barista che cassiere, stavorta sta alla cassa e io nun dò nell'occhio. Ner frattempo me faccio la giocata e ecchela là, manco er tempo de pià la schedina e me lo vedo ar bancone, Renato: ma porca de quella troia 'nfame, che cazzo ce fa mo Renato quà? Vabbè io c'ho già la scusa pronta, nun me pò di gnente, nun me lo pò dì che so regazzino. M'avvicino, se guardamo, pare che nun se conoscemo, eravamo stati insieme fino a 10 minuti fa, me sento la tensione sulle ginocchia che me tremano e vedo che pure lui se 'nfila la mano destra nei capelli e la sinistra se la mette 'n tasca tipo a fa er vago, er disinteressato. C'eravamo solo io, lui e Remo. Più m'avvicino e più quaa mano se fa movimentata nella tasca, se sente rumore de spiccetti, de cartacce, la tensione è palese. È tanto insistente co quaa mano che inizio a domandamme se stava davero a cercà quarcosa o se stava provando a grattasse er culo passando pe la tasca provando a nun dà nell'occhio. Ner silenzio me ritrovo a 'n passo da Renato, levo lo sguardo dalla tasca e me lo guardo, nun me lo pò dì che so regazzino, lo guardo mezzo 'mbrunito, lui de riflesso leva svelto la mano e cò lo sguardo fiero e 'na cartaccia ner pugno apre la bocca come pè dì 'na cosa ma 'no strillo lo anticipa: "Ecco i due deca regà!! Scusate er ritardo, ste cose da nespola le mettemo sempre dietro e nun le trovo mai... le mettemo sempre dietro, eheheh". 

Li Mortacci tua Renà.

 

Illustrazione di Lorenzo Forlani.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload