© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia: Romeo Ottaviani, detto er Tinèa, "Er più de Trastevere"

February 22, 2019

 

Sono le sette di sera di un venerdì qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fà du giri in osteria.

 

Sto pomeriggio stavano a passà in tv quer film co Celentano che fa er romano. No Rugantino, l’antro. È davero teribbile! Nun se pò sentì! Che poi in realtà la storia è pure bella: parla de Romeo Ottaviani, detto er Tinèa, “Er più de Trastevere”.

 

Stamo a parlà de quello che è stato er più famoso bullo de Roma, che tra l’Ottocento e er Novecento se la comannava su tutti quanti.

 

Ma attenzione: la figura der bullo nella Roma de quell’anni era sì quella de ‘n tipo incazzoso, strafottente e presuntuoso, ma anche de ‘n protettore de li poracci e de ‘n omo de parola.

 

Pure se commettevano quarche piccolo reato, li bulli nun se sentivano de esse malviventi, ma piuttosto dei piccoli eroi, na sorta de cavalieri nei quali scoreva er sangue dell’antichi romani.

 

E nfatti “Tinèa”, er soprannome de Ottaviani, è na storpiatura dell’espressione “di Enea”, ner senso “del sangue di Enea”, na frase che in quell’anni se usava spesso pe sottolineà la profonna romanità de quarcuno.

 

Nsomma er Tinèa nacque ner 1877 a piazza der Catalone, a Borgo, pe poi trasferisse quanno era ancora ‘n pupo a Trastevere, a piazza de’ Renzi, cor padre Nicola, ‘n vetturino marchiciano, e co la madre Adele, abbruzzese.

 

In quell’anni Trastevere era bella pesante, antro che oggi! Ce stava na rissa co le lame ogni quarto d’ora e così er Tinèa, che già da regazzino se trovò ad assiste a ‘n botto de fatti de sangue, assorbì quer clima e se abituò ad avecce a che fà co l’antri bulli.

 

Era na bella branda e siccome che nfonno era uno bono, diventò famoso e amato da tutti oltre che pe la forza, anche pe er coraggio che mostrava ogni vorta che se metteva in mezzo pe difenne li più deboli.

 

Pensa che Francesco Ripandelli, er famoso delegato de pubblica sicurezza de Trastevere de allora de cui te parlerò ‘n antra vorta, je voleva così bene che pe evità che se mettesse in quarche casino je trovò ‘n posto come fattorino alle Poste de piazza San Silvestro, lavoro che arternava co quello de buttafori nei locali notturni.

 

Ma er fatto che lo consacrò pe sempre nella storia della nostra città avvenne na sera der 1898. 

 

Stava a tornà a casa sua dopo er lavoro alle Poste, quanno a via Frattina se trovò davanti uno che stava a menà a sangue na ragazza. Subito er Tinèa je dette na spinta pe allontanallo ma quello cominciò a insurtallo e tirò fori la lama dalla saccoccia.

 

A quer punto er Tinèa je mollò du pizzoni in faccia che lo fecero volà de du metri, je se avvicinò e co poche ma chiare parole je fece capì che nun era aria e de nun provà mai più a fasse vede in giro o ad avvicinasse a quella pischella.

 

La notizia cominciò subito a girà e fece ‘n gran clamore pe tutta la città, ma quello che er Tinèa nun sapeva era che er cojone che aveva sistemato nun era un cojone qualunque. Se trattava der “Malandrinone”, ‘n potente pappone che controllava quasi tutto er mercato della prostituzione der centro de Roma, che quella sera stava a da na lezione a una delle ragazze che sfruttava.

 

Così er Tinèa diventò ‘n grande eroe popolare e persino la stampa der tempo ne seguiva le gesta, raccontanno l’episodio de via Frattina e antre imprese dove “Er più de Trastevere” difenneva li poracci da li prepotenti, rendendolo unanimemente er capo de li bulli de Roma.

 

Bastava la sua sola presenza perché nessuno se permettesse de fà casino e spesso, grazie alla sua autorevolezza, se trovò addirittura a indossà le vesti de giudice, cor compito de risolve sia le “quistioni” che se creaveno tra li vari gruppi de bulli, sia quelle che riguardaveno prepotenze fatte verso li più deboli, che ogni giorno affollavano casa sua manco fosse ‘n ufficio reclami.

 

“Quistioni” che er Tinèa riusciva sempre a regolà co la piena soddisfazione de tutti, a vorte co le bone, antre co le cattive. Ma la sua azione di “pacificatore” era talmente apprezzata che perfino le guardie chiudevano ‘n occhio se na vorta c’era annato co la mano più pesante der solito.

 

Non a tutti però j’annava a genio er modo in cui er Tinèa impartiva la propria legge, soprattutto a li papponi, a li scrocconi e a quelli che se la sapevano pija solo co li meno forti.

 

Du anni dopo er fatto de via Frattina, nfatti, ‘n gruppo de magnaccia imboccò a casa sua pe fajela finarmente pagà, ma ar posto de Romeo trovarono er fratello Giuseppe, detto Peppe, che finì ammazzato a cortellate.

 

Ma se vede che er destino der Tinèa era segnato, perché ‘n sabato pomeriggio, er 2 aprile der 1910, mentre passeggiava co la moje e cor fijo a via der Moro, ‘n certo Bastiano er Sartoretto lo assalì alle spalle colpennolo ar collo co ‘n trincetto, ‘n cortello da carzolaro.

 

Subito fu portato in gravi condizioni all'Ospedale della Consolazione, che stava vicino ar Foro, ma nun c’era più niente da fà. Morì la mattina der lunedì successivo all’età de trentatré anni.

 

Ar funerale der Tinèa ce stavano tutti li bulli de Roma, l’amici, i nemici, i giornalisti che ne avevano raccontato le gesta, le guardie e ‘n sacco de gente comune, accorsa pe vedè da vicino i rappresentanti de quer monno.

 

Mo che conosci sta storia, la prossima vorta che voi perculà quarcuno che se la sente troppo calla o fa un po’ er matto, nun je di: “Ma chi sei, Batman?”. Dije invece: “Ma chi sei, er Tinèa?”.

 

Leggi anche: Na storiaccia: Giuditta Tavani Arquati

 

Leggi anche: Na storiaccia: Lazzaro Anticoli, detto Bucefalo

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload