© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia: Francesco Ripandelli, sor delegato mio

March 7, 2019

Sono le sette di sera di un venerdì qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fà du giri in osteria.

La storiaccia de oggi nun è proprio na vera storiaccia. È la storia de ‘n omo per bene, de ‘n poliziotto de altri tempi che è diventato ‘n istituzione de Trastevere nell’anni tra li più difficili della storia del rione.

 

Te sto a parlà de Francesco Ripandelli, pe trent’anni Delegato de Pubblica Sicurezza del commissariato de Trastevere. È a lui che se riferisce l’inizio der monologo “Er fattaccio”, quanno er reo confesso dice: “Sor delegato mio nun so' un bojaccia! Fateme scioje... v'aricconto tutto...”. Nun t’o ricordi? Dai, è quello che ha fatto pure Gigi Proietti!

Ripandelli era nato ner 1863 a Sant’Angelo dei Lombardi, ‘n paese in provincia de Avellino, ndo er padre faceva er fonditore de campane. Dopo avè superato er concorso in Polizia, ner 1887 fu destinato a Firenze come Delegato de Pubblica Sicurezza de quarta classe e l’anno dopo fu trasferito a Roma, alla Delegazione de Trastevere.

 

Roma era da poco la capitale der neonato stato libberale e così la città era diventata la sede de tutti quanti l’apparti governativi. All’epoca, er compito de ‘n commissario, che allora se chiamava delegato, nun era solo quello de tenè sotto controllo la delinquenza comune, ma pure viggilà che nun scoppiassero casini a livello sociale.

 

Er paese, nfatti, attraversava na profonda crisi economica che s’era aggravata pe via delle spese de guera che er Regno aveva affrontato pe completà l’unificazione. A questo aggiungice pure lo sviluppo dell’industrie, che prima a Roma erano praticamente inesistenti, che portarono a na massiccia migrazione e de lì a poco alle rivendicazioni delle masse operaie che se stavano a organizzà politicamente, mettendo i funzionari dell’ordine pubblico di fronte a scenari ai quali nun erano mai stati preparati.

 

Ripandelli invece a Trastevere partì subito bene: dopo ‘n solo anno de servizio se beccò cinque encomi e na gratificazione pe il lavoro che aveva svolto. Era ‘n grande studioso della lingua italiana e nell’anni aveva creato ‘n piccolo dizionario, che aggiornava de continuo, co tutte le parole e le parolacce romanesche che sentiva pe strada, in modo da potè capì e fasse capì da chi c’aveva davanti.

 

Er delegato poi era ‘n brav’omo, compieva ‘n sacco de bone azioni e c’aveva na parlantina mezza campana e mezza romana che lo faceva sta simpatico a tutti. Quasi. ‘N po’ meno a quelli che carcerava, ma anche li criminali, pur nun volendoje bene, lo rispettavano e lo temevano.

 

Na sera na squadra in borghese der commissariato de Trastevere, composta da tre guardie e ‘n brigadiere, stava a fà ‘n giro de perlustrazione quanno, arivati a via Manara, trovarono ‘n pregiudicato, tale Ludovico Dionisi, che abitava ar civico 48. Quanno quello capì che erano guardie, se pensò che stavano a cercà lui e cominciò a daje addosso prima a parole e poi a fatti. Scoppiò na grossa rissa in cui rimase ferita na guardia e così dovette intervenì Ripandelli, che abitava là vicino. Alla vista der commissario, Dionisi se carmò, cambiò tono e je se buttò ai piedi chiedendoje de poteje bacià la mano. Ripandelli je se rivolse co parole paterne e, poggiandoje la mano sulla spalla, je disse: “Sii bono, viè co me in ufficio”.

 

Na vorta ar commissariato, Ripandelli se mise a interrogallo mentre scriveva er verbale. A na certa, Dionisi se arzò de scatto e je se buttò addosso pijandolo alla gola. Ma er commissario riuscì a divincolasse dalla presa, l’acchiappò pe li capelli e lo fece mette in ginocchio. Questo pe fatte capì che se pure era uno bono, quanno se incazzava erano dolori de panza.

 

Ai tempi de Ripandelli, Trastevere era ‘n covo de ladri. Borsaroli, tajaborse, scassinatori, bucatori de pavimenti e de soffitti rubaveno a gente qualunque, turisti, banche e gioiellerie. Sti galantomini preparavano li ‘sgobbi’ all’osteria, davanti a ‘n po’ de vino e na mano a carte, e spesso capitava che a quarcuno je sartasse la mosca ar naso pe via de na battuta o de no sguardo sbajato. Parecchie vorte sortiva fori la molletta, er coltello a scatto de li bulli, e la faccenda annava a finì a schifo.

 

Pe cercà de contrastà er fenomeno della zaccagnata, che stava a fà schizzà er numero dei reati de sangue a Roma, er commissario organizzava dei pattujoni. A na certa ora, speciarmente de sera, un gruppo de guardie se metteva a ripulì le strade o faceva irruzione de botto in quarche osteria frequentata dai soggetti meno raccomandabili, che venivano perquisiti e disarmati.

 

Ma li risultati maggiori, er commissario li otteneva grazie ar rapporto che c’aveva co la popolazione de Trastevere. Se po’ di che li mejo informatori sua erano le madri (ricordete che ner rione a quei tempi vigeva er matriarcato) de quei ragazzi che s’erano messi, o se stavano a mette, in un brutto giro.

 

Vedevano in Ripandelli, più che na guardia, ‘n padre severo: “Commendatò, ce sta Enzuccio mio che sta a frequentà gente che nun me piace. Vedete ‘n po’ voi, parlatece che nun vojo che fa la fine de su padre”. Erano più o meno questi gli appelli che je rivolgevano le donne trasteverine. E lui da sti ragazzi ce annava, ce parlava e tante volte riusciva a convinceli a rimette la testa a posto, magari co l’aiuto de ‘n par de sganassoni o co la minaccia de faje passà na notte ar gabbio.

 

E ce n’ha portati tanti a Regina er ‘sor delegato’. Compreso Bastiano er sartoretto, l’assassino der Tinèa, er più de Trastevere, che dopo avello accortellato ar collo da dietro se annò a nasconne a casa sua sotto er letto. Fu lì che Ripandelli lo trovò che piagnucolava, consapevole della fregnaccia che aveva appena fatto.

 

Pensa che, na vorta annato in pensione, s’era messo a scrive na rubrica pe ‘n giornale de Roma, ‘Il Piccolo’. Se chiamava ‘Vecchio Trastevere, le memorie del commissario Ripandelli’, in cui raccontava tutte le sue storie. Quanto me sarebbe piaciuto aveccela ner Ventriloco…

 

Leggi anche: Na storiaccia: Giuditta Tavani Arquati

 

Leggi anche: Na storiaccia: Lazzaro Anticoli, detto Bucefalo

 

Leggi anche: Na storiaccia: Romeo Ottaviani, detto er Tinèa, “Er più de Trastevere”

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload