© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia | Raffaele Sonzogno, 'n affare de corna e de Stato

May 12, 2019

Sono le sette di sera di un venerdì qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fà du giri in osteria.

 

M’hanno regalato ‘n romanzo che racconta na storiaccia che nun conoscevo. Se tratta de ‘n caso bello incazzettato, perché se trova al limite tra ‘n delitto passionale e ‘n omicidio de Stato. Forse er primo de sempre nella storia de sto Paese. Er fatto inizia la sera der 6 febbraio der 1875, ‘n sabato grasso, nella sede della redazione de ‘n vecchio quotidiano romano: La Capitale. Er direttore, er giornalista milanese Raffaele Sonzogno, che proprio quer giorno aveva fatto 46 anni, stava a comporre li titoli della prima pagina der giornale der giorno appresso. A na certa, mentre dalla finestra della stanza sua a via de’ Cesarini se sentivano le grida e li fischi der Carnevale, Sonzogno se trovò di fronte ‘n omo vestito de nero. Prima che er giornalista avesse modo anche solo de dì na parola, quello je se scajò addosso dandoje 17 cortellate, ammazzandolo quasi all’istante. Subito, richiamati dall’insoliti rumori, arivarono nella stanza du dipendenti der giornale che immobilizzarono l’assassino. Poco dopo salì su pure na guardia municipale che mentre faceva de corsa le scale vide ‘n secondo omo che se dava de corsa dall’androne der palazzo. A condurre le indagini fu er delegato de pubblica sicurezza (er commissario de allora) della stazione de Ripa, Leopoldo Galeazzi, che fu pure er primo a interrogà l’omicida. Se trattava de Pio Frezza, detto Spaghetto pe via de quanto era secco, ‘n artigiano trasteverino de 26 anni.  Questo raccontò ar commissario che dietro all’omicidio ce stavano solo motivi personali: la sua ex moje se la faceva co Sonzogno e pe questo lui l’aveva sgobbato. Ma a Galeazzi, che era ‘n bravo poliziotto, la cosa je puzzava, così come je puzzava assai che er questore de Roma, Giovanni Bolis, che ‘n sacco de volte era stato accusato de esse ‘n corrotto dar giornalista defunto, pretendeva de chiude subito er caso alla svelta. Da quando aveva fondato er giornale, infatti, Sonzogno s’era fatto ‘n botto de nemici, soprattutto gente potente, e pareva molto strano che la sua morte se potesse spiegà comodamente come na storia de corna. In pratica, però, l’unici a nun crede alla versione de Spaghetto furono lui e er vice de Sonzogno, Filandro Colacito, che se prodigò in tutti li modi pe cercà de capì davero chi avesse voluto ammazzà er capo suo. Se mise così a bazzicà l’osteria de Trastevere ‘ndo annava a magnà Spaghetto e riuscì a mettese in contatto co alcuni amici sua, sperando de rintraccià er secondo omo, quello che s’era dato dar palazzo la sera dell’omicidio. Proprio in quell’osteria, Colacito conobbe Anna, la moje de Spaghetto, na bella ragazza che lavorava dentro a na fabbrica, che a na certa divenne pure la sua amante, dandoje na mano pe tentà de fà luce su sta vicenda.
La Roma der 1875, appena diventata capitale der Regno, era na città in grossa espansione. Sto novo ruolo e li tanti impieghi statali che ne derivavano erano diventati ‘n esca irresistibile pe tutti li disoccupati d’Italia. Ce stava però er bisogno de allargasse e fu così che cominciò a verificasse la grossa speculazione edilizia che stamo a pagà ancora oggi. Mettice pure che, specie a Trastevere, ce stavano ‘n sacco de bande criminali che già se davano da fa a li tempi dello Stato Pontificio, spesso fiancheggiando er processo de unificazione. Co la presa de Roma, questi diventarono li sicari de politici senza scrupoli e de li palazzinari che volevano mette a tacè, spesso per sempre, li loro critici e li loro oppositori. E de certo Sonzogno faceva parte de sta categoria. Ma la quistione, come se diceva allora a Roma, era ancora più incasinata, se possibile. La moje de Sonzogno, Emilia Comolli, na ricca borghese, se la faceva co ‘n giovane romano, ex garibaldino, de origini modeste ma de grosse ambizioni: Giuseppe Luciani. Era stato pure ‘n collaboratore der poro Sonzogno e s’era messo in cranio de fà carriera in politica, partendo dalle elezioni municipali. Trastevere era er trampolino de lancio perfetto, ma evidentemente pure Luciani stava sui cojoni a ‘n po’ de gente: dopo esse stato eletto la prima volta, la votazione era stata annullata pe via de ‘n inchiesta su presunti brogli, partita proprio da na denuncia de Sonzogno. A scoprì sta strana circostanza fu proprio er commissario Galeazzi, che lo riferì ar questore Bolis, er quale nun potè fà antro che daje ragione e riaprì l’indagine. Come si nun bastasse, sortì fori ‘n antro elemento a complicà tutto: er fratello de Sonzogno, Edoardo, insisteva che se dovesse indagà su ‘n certo Alessandro Erdan, ‘n giornalista francese sospettato de esse na spia doppiogiochista ar servizio sia dell’Italia sia dell’Austria e de cui La Capitale aveva parlato in prima pagina. Er commissario Galeazzi aveva pure trovato ‘n bijetto, scritto da Sonzogno, ‘ndo er giornalista parlava de ‘n quotidiano de Vienna in cui spesso se trovavano notizie riservate che potevano esse arivate in Austria solamente grazie a Erdan.

Mettemo però da parte le questioni de spionaggio internazionale, perché la vera partita se gioca a Roma, dove chi c’ha quarcosa da nasconne nun se risparmia pe intimidì o azzittì ogni testimone possibile. E ‘nfatti, na sera, ‘n gruppo de delinquenti sequestrò Anna Frezza, moje de Spaghetto e amante de Colacito, liberannola solo dopo na notte de torture e de violenze, co la minaccia che la prossima volta a casa ce sarebbe tornata solo co li piedi davanti. Ner corso dell’indagini, Galeazzi scoprì che dietro a ste vicende ce stavano coinvolte pure alcune guardie, che in quell’anni spesso erano ex delinquenti arruolati come premio pe avè favorito la liberazione de Roma. Venne fori che armeno ‘n paro de questi avevano rapporti stretti co Frezza e Luciani, e uno de loro, Luigi Morelli, durante ‘n interrogatorio, dovette ammette che proprio quest’ultimo era coinvolto nell’omicidio de Sonzogno. Er cerchio se stava a strigne attorno a Luciani, che tentò de fasse dà na mano dar fijo de Garibaldi, Ricciotti, co cui aveva stretto rapporti politici. Questo però, che stava a fà parecchi impicci co le lottizzazioni nella periferia de Roma, nun se lo filò de pezza, scejendo de sacrificallo pe nun rischià che venissero fori le sue ladrate. E così, er 16 febbraio, a dieci giorni dall’omicidio e mentre in casa Sonzogno Emilia Comolli partoriva, già morto, er fijo nato dalla loro relazione, Luciani fu arrestato nella sua casa de via dei Giubbonari dar commissario Galeazzi. A quer punto rimase solo, anche perché era in corso l’approvazione de ‘n Piano Regolatore che avrebbe aricchito tutti quell’amici sua a cui nun je passava manco pe l’anticammera der cervello de fà saltà ‘n affare der genere pe aiutà ‘n pezzente troppo ambizioso.

Er processo, che se svolse a ottobre de quell’anno, filò via liscio come l’olio: esecutore e mandante stavano là, seduti sul banco dell’accusati, pronti da gettà in pasto all’opinione pubblica. E, ‘nfatti, le condanne furono esemplari, co l’imputati mannati tutti all’ergastolo. Solo quarche tempo dopo, er giornalista Felice Cavallotti scoprì che Sonzogno se stava a batte contro l’abusi edilizi che stavano a perpetrà li palazzinari dell’epoca, lottando perché nelle periferie fossero costruite case più moderne e dall’impatto meno invasivo, oltre che a ‘n costo nettamente inferiore. Ma sta battaja, condotta in solitaria, Sonzogno l’ha persa, e co lui l’avemo persa anche noi. E nun me venì a dì ch’era solo na storia de corna.

 

 

Illustrazioni di Valerio Paolucci.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload