© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Una foto per una storia | Episodio 2

May 12, 2019

Augusto Manzone, vetturino trasteverino, chi meglio di lui per descrivere questa foto del ’74?

Lo raggiungo dove lavora, proprio sotto al Colosseo, accanto le carrozze del fratello Gianni e dell’amico Rinaldo.

 

“Ciao Augusto”.

 

“Ciao Gianni, Sali in carozza che stamo comodi e riparati dar vento”.

 

“Che mi dici di questa foto?”.

 

“Anvedi, ‘a prima stalla nd’ho lavorato, ho cominciato propio ner ’74, insieme a mi’ padre Mario, penza che papà semo riusciti a fallo scenne d’a vettura a settembre der 2018, e c’ha ‘n pezzo da 92 anni; ho preso ‘a licenza der Sor Gregorio, nummero 117. Ner ’74 a Roma c’ereno 120 carozze, proprio ‘n quell’anno semo scesi a 80, nell’80 semo rimasti 40 vetturini, oggi semo 28; sai, tanti hanno scerto de pija’ er Taxi, visto che poi fa’ ‘a vortura d’a licenza” (si tratta sempre di servizi pubblici non di linea regolamentati dalla stessa legge quadro n.d.r.).

 

“Agu’, ‘sta cosa t’a dico in romanesco, perché me so’ partiti i ricordi e l’emozioni, e er dialetto nostro le esprime ar mejo;  sai che tante vorte, soprattutto d’estate co’ ‘e finestre aperte, ‘a matina nun me svejava ‘ a luce ma er rumore d’e carozze, rote e zoccoli, che sortivano dalle stalle?”.

 

“Te credo, ce l’avevi tutte ‘ntorno a casa, questa der Cedro, quella a via dei Panieri, due a vicolo dei Panieri, una a via der Leopardo… t’o ricordi er Sor Toto? Er Sor Toto Minnucci, come mi’ madre, era cuggino de mi’ nonno Tommaso, che c’aveva l’osteria “Er Bucatino d’Oro a vicolo d’a Scala”.

 

“Ma penza te, er Sor Toto era amico fraterno de nonno, quanno morì lasciò ‘na lettera chiusa intestata a lui, Antonio Mura,  cor compito de dettà le urtime volontà a fiji e nipoti;  grande personaggio, er Sor Toto, se semo fatti certe magnate ‘nsieme… vabbe’ me so’ emozionato, tornamo a bomba, come è cambiato er lavoro tuo?”.

 

“‘Na vorta ‘a staggione ‘ncominciava er primo aprile e finiva er due novembre, penza che tanti affittaveno ‘a carozza cor cavallo solo pe’ quer periodo, oggi er turismo grazzie a Dio è cambiato e riuscimo a lavorà tutto l’anno, co’ arcune limitazzioni pe’r callo dar primo giugno ar 15 de settembre, perché ‘a salute der cavallo è sempre ar primo posto; lui è un compagno de lavoro, ‘na commissione de veterinari ‘o visita più vorte l’anno e ‘o deve dichiara’ idoneo. Er mio ce l’ho da 18 anni, se nu’ ‘o tratti bbene nun te dura così tanto. Ecco, mo’ tra ‘n par d’anni questo andrà ‘n penzione in campagna, in quarche azienda dove lo tratteranno come merita; pe’ legge è vietata ‘a macellazione dei cavalli nostri. Ce tengo a ditte ‘na cosa de cui so’ orgojoso: st’amore pe’r cavallo l‘ho trasmessa a mi’ fija che ha praticato equitazione agonistica a livello nazionale, prima come amazzone, e poi come istruttrice federale, ottenendo ottimi risultati, adesso è responsabile del settore ludico per l’A.S.I.: ‘na gran soddisfazzione”.

 

“Complimenti, è un bellissimo esempio di come si possa mantenere e valorizzare una tradizione di famiglia. Ne devi essere davvero fiero; certo che questa stalla del Cedro deve essere davvero magica, perché il figlio del Sor Toto, Emilio, era il papà di Giampaolo Minnucci, conduttore di Varenne, uno dei più forti trottatori di tutti i tempi, ed anche loro avevano cavalli e carrozze qui...
 Senti, ogni tanto si sentono  polemiche per gli incidenti…”.

 

“In 44 anni ho visto solo du’ incidenti, e tutti e due perché c’era stato ‘n comportamento tanto ma tanto scoretto dell’autisti de li mezzi a motore; noi c’avemo ‘e carozze che vanno sui cuscinetti a sfere co’ poco attrito, so’ ammortizzate, mantenute bbene, e annamo tranquilli su ‘a preferenziale mantenenno ‘e traiettorie giuste,  ma purtroppo quarche “matto” capita sempre”.

 

“Parlami del servizio che dai ai clienti”.

 

“Prima de tutto devo ringrazzia’ Roma, da do’ ‘a vedi ‘a vedi te stupisce sempre, ma da ‘sta carozza c’hai ‘n punto d’osservazzione diverso, er punto de vista è riarzato te la godi piano piano a bassa velocità,  inortre me posso permette de da’ ‘e stesse informazzioni de ‘na guida ma ‘n modo goliardico;  Roma co li cavalli ha conquistato er monno, c’o sai perché Marco Aurelio ar Campidojo sta co’ ‘e braccia allargate e er cavallo sta senza brije e redini? Perché je dice : Va’ ndò te pare, perché tutto er monno è nostro!”.

 

Grazie davvero, Augusto, tu e la foto scattata nel ’74 al corso di fotografia del doposcuola della Giulio Romano  diretto dal Professor Alfredo Bernacchia, ci avete raccontato davvero una bella storia.

Riprendo la strada per Trastevere a piedi, da via di San Gregorio, più o meno a metà un rumore di ruote e zoccoli mi fa voltare: sono le carrozze di Gianni, Augusto e Rinaldo che ritornano “al passo”, filando leggeri verso Testaccio, dove ora hanno la stalla… penso che siano la velocità e l’atteggiamento giusti per godersi, a pieno, la nostra Roma.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload