© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

MEMORIE DE ‘NO SCARZACANE | Bolle de mare

January 11, 2020

Di Er Vena

 

 

 

Illustrazione di Giuseppe Maggiore

 

 

Era da 'n pò che volevo annà ar mare. Nun c'annavo da anni perchè a spostamme troppo me pesa er culo. 

 

Quarche settimana prima avevo conosciuto Domitilla, 'na regazzetta per bene, je piaceva quello che scrivevo ma nun me sentivo alla sua altezza e volevo fà quarcosa pe' dimostraje che ce tenevo. Pensai de portalla a fà 'na bella giornata ar mare e magari, la sera, a magnasse 'no spaghetto co' le vongole ar lume de candela, a casa però.

 

Avevo già preparato tutto, me sarei fatto prestà la machina dar puzzetta che s'era appena fatto 'na familiare pe' accontentà la moje, pure se nun c'aveveno ancora i fiji e avrei lasciato le chiavi de casa ar chiavica, che sapeva fà le vongole e acchittà le situazioni come pochi antri, pure si nun beccava mai. 

 

Volevo portalla ‘ndo annaveno quelli come lei, magari se sarebbe sentita più a suo agio, quindi, er fine settimana stesso, partimmo per Fregene. Er viaggio fu abbastanza silenzioso, perché alla fine io e Domitilla n'è che c'avessimo tutti sti discorsi da fà, però se sentimmo tanta bella musica che s'era portata lei, robba americana comunque, bella. Trovammo parcheggio quasi subito, perché pe' esse sicuro de arivà er più vicino possibile alla spiaggia eravamo partiti alle sette e 'n quarto. 

Presi du’ lettini e ‘n ombrellone sur bagnasciuga, p'esse sicuro de nun scottame li piedi p'arivà all'acqua. 

 

In realtà la spiaggia me la ricordavo molto più grossa, invece era tipo 'no sputo, ma probabilmente c'avevo sto ricordo perché l'urtima vorta ero piccoletto e a quell'età sembra tutto più grande.

 

L'acqua n'era brutta, m'avevano detto che a Fregene l'acqua era 'na merda e pur'io me la ricordavo abbastanza brutta, però in compenso c'era la gente per bene, tipo Domitilla.

Me misi a pensà se Domitilla volesse fa er bagno subito o dopo essese rilassata 'n pò, se preferisse fasse du' parole crociate insieme, se, magari, volesse prende er pedalò prima che se riempisse de gente la spiaggia. Tutti sti ragionamenti me fecero rilassà e m'abbioccai. 

Me svejai dopo 'n pochetto cor sole che me stava a frigge le palpebre e 'n prurito forte in mezzo alle gambe, ma quant'era passato? Me girai pe' vedè se pure Domitilla se fosse addormita e nun c'era nisuno sur lettino suo, guardai in acqua ed era pieno de regazzini che strillaveno, che sartaveno, che piagneveno, che li mortacci loro m'avevano riempito le palle de sabbia pe' famme 'no scherzo.

 

L'acqua era diventata torbida e l'argacce maroni tipiche der posto m'ereno arivate sotto ar lettino. Me girai verso er bare pe' vedè se Domitilla fosse ita a prende 'na cosa da sola, porella. Ar pensiero me feci schifo e m'arzai pe' annà a vedè se stava là. Ner frattempo la spiaggia s'era riempita de gente, ma er bare 'n se batteva, pareva che regalassero le bire, tutti là co' quaa cazzo de camicetta de lino a bevese le cose e a magnasse 'n pezzettino de sushi 'n piedi. Me sgrullai i piedi prima de salì sulla pedana der bar, tirai fori dalle tasche sette otto sigarette e due de quei cerchietti che tengono er tappo attaccatto alle bottijette de plastica. Vidi Domitilla, stava seduta sui divanetti de rattan, vestita pure lei, a magnasse sto sushi pure lei, in mezzo a 'n gruppetto de tuteri pompatelli, incamiciati e coi mocassini de pelle, quelli da barca. Però staveno ar bare, no in barca.

 

Se la rideva Domitilla, faceva 'n sacco de gesti, intratteneva tutto sto gruppetto, e io che pensavo fosse timida. Pensai de annà là a presentamme, magari era contenta de famme conosce l'amichetti sua. Me guardai n'attimo, stavo cor costume da surfista che m'arivava sotto ar ginocchio, la panzetta da bevitore de bire e le ciavatte da piscina. Cercai de incrocià lo sguardo suo pe' faje capì che n'era er caso de famme vedè troppo, me pareva de nun esse all'altezza dell'amichetti sua, pure si ereno 'n branco de facioli. 

 

Quanno se girò verso de me je feci er gesto che sarei tornato ar lettino a aspettalla, me fece capì che sarebbe rimasta n'antro pochetto co' quelli e poi m'avrebbe raggiunto. Era quasi l'ora de pranzo e m'era venuta voja de cocco, nun lo magnavo da quann’ero venuto ar mare l'urtima vorta ma 'n se vedeva manco uno de quelli che de solito te lo portaveno ar lettino, allora me venne voja de bira, ma 'n ce staveno quelli delle bire. Ar bare 'n ce sarei tornato manco sotto tortura. Me girai verso er vicino de lettino, che dalla scritta "Fregene state of mind" tatuata sur petto me pareva 'n abbituè e je chiesi che fine avessero fatto tutti i vu cumprà. Me spiegò che quer giorno nun ce sarebbero stati perché poco più tardi, pochi stabilimenti più avanti, ce sarebbe stato er comizio de 'n politico, quindi per decoro nun l'avevano fatti venì. Aggiunse che era mejo, perché sti vu cumprà faceveno li prezzi troppo bassi e gli stabilimenti nun poteveno regge er confronto, che era concorenza sleale, perché tanto loro le bire le pijaveno dai paesi loro e je costaveno de meno, poi disse che sporcaveno le spiagge facendo i bisogni 'ndo je pareva e se lavaveno in mare, 'ndo fanno er bagno i pupi.

Tornai ar bare a pijamme sta cazzo de bira cercando de nun famme vedè da Domitilla, otto euro. Tornai ar lettino per berla con calma, otto euro li volevo fa durà tanto.

 

Finita la bira iniziai un pò a sudà, pensai de famme 'n ber bagnetto refrigerante prima che tornasse Domitilla. L'acqua era diventata 'na specie de pozzanghera, bollente, color Tevere, entrai de corsa perché l'aggitazione de tutti quei regazzini m'aveva fatto sudà de più e uscii ancor piu de corsa. Ero entrato in acqua senza crema solare, perché l'amico mio Girolamo, detto er professore perché sapeva tutto, m'aveva detto che le creme solari de oggi fanno più male der sole e io so pure mezzo allergico. Uscii dall'acqua che ero più scivoloso de 'na saponetta e n'assorbente me s'era 'ncajato tra er collo e er capezzolo. Corsi a famme la doccia, più per l'oleosità der mare che per l'assorbente, ma st'olio 'n se levava, pensai de cospargermi de sabbia, magari l'attrito avrebbe aiutato, chiesi 'na paletta a 'n regazzino che nun ce stava a giocà, er padre, incamiciato, me chiese perché stessi a parlà cor fijo, chi fossi, che volessi. 

 

Senza mette benzina sur foco me ne tornai verso er lettino, pieno de bollicine, me prudeva tutto, me cosparsi de sabbia e iniziai a grattamme co' quella, tornai verso la doccia, che ner frattempo s'era riempita, c'era 'na fila de sett'otto regazzini che giocavano a bagnasse coi liquidator, riempendoli co' l'acqua della doccia, mentre i genitori se lavaveno, con lo shampoo e cor bagnoschiuma. La schiuma arivava quasi ar lettino mio, quasi dentr'ar mare. Corsi ar bagno dello stabilimento pe' chiede se ce fosse n'antra doccia, tra le risate de quei porci ubriachi e gli sguardi indignati delle ragazze dei porci, incontrai lo sguardo, anch'esso indignato, de Domitilla. Senza rivolgermi la parola si risedette sur divanetto in mezzo a quelli de prima, ereno passate almeno 'n par d'ore. Decisi de tornà a prende le chiavi della macchina, de corsa, inciampai sulle bottiglie lasciate pe’ tera da 'n gruppo de balordi, cascai sur castello de sabbia de 'n regazzino che se mise a piagne. Er padre e la madre, inviperiti, incamiciati, me se fionarrono addosso pe' levamme dar castello der fijo, che n'era 'n castello ma 'na cazzo de riproduzione der cazzo de Vesuvio, me bruciai tutti li cazzo de peli der petto. Stavo pe' piagne, corsi ancor più veloce verso le chiavi della machina, le presi, lasciai un bijettino a Domitilla in cui spiegavo che mi ero sentito poco bene e che sicuramente avrebbe trovato un passaggio. Verso le otto, dopo 'na coda sull'Aurelia de tre ore, arivai a casa.

 

M'aiutò a tranquillizzamme Er Chiavica, che dal maleodore de scureggia che aleggiava nell'aria s'era capito che 'n se n'era mai ito da casa, co' 'na bella cannetta de CBD, quelle zozzate legali che vanno de moda mo. Je riccontai tutto e je dissi che 'n ce sarebbe stata nisuna cena, che me dispiaceva aveje fatto fa tutto quer lavoro pe' niente. 

Er Chiavica disse de nun preoccupamme, de annamme a lavà, che ero ancora pieno de sabbia.

 

Me feci la doccia e trovai la tavola pronta pe’ due, 'no splendore, 'na candela a forma de veliero in mezzo, un mazzo de belle de notte pe' guarnì, l'argenteria della nonna der chiavica, i bicchieri ruspati ar ristorante de pesce de Rione Regola, er Chiavica seduto e cor fazzoletto già infilato ner collo della camicia, 'na cofana de pasta co' le vongole e 'na bottija de bianco a aspettà solo me. Me e l'amico mio Chiavica. 

 

"A Vè, so rimasto pe' fatte vedè ‘sta situazione, me l'ero preparata pure pe' Filomena, quella della merceria, 'n se sa perchè nun l'ho acchiappata. L'antre quattro bocce de vino stanno 'n fresco. Magna Vè che ce se fredda, bon appettito".

 


Alle bolle der mare 'n ce pensai più.

A Domitilla 'n ce pensai più.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload