© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Racconti trasteverini | Memorie de 'no scarzacane - Ponte Sisto parte 1

May 21, 2019

So le 7 de matina e sto a camminà su Ponte Sisto nella direzzione opposta a quella de casa. Da solo. È quella cazzo de urtima bira, ‘nfame fracica, me ‘ncula sempre.

Ma poi perché aspetto sempre de ripiamme prima de tornà a casa? Vivo da solo, c’arivo a piedi. Tanto penso ‘o stesso.

È da quanno che c’ho 16 anni che dopo le sbronze me ritrovo quà. Prima ce passavo sempre, dar lunedì ar venerdì pe annà a scola, più spesso pè nun annacce, er fine settimana pe smaltì la sbronza. Er periodo de trasformazione dei piccioni, che a ‘na certa so diventati bianchi, grossi e cor becco giallo-rosso l’ho visto bene. Prima li conoscevo tutti l’avventori der ponte.

C’era Marina, se faceva er ponte tutti li giorni de corsa, dico de corsa pè esse generoso. La vedevo arivà da Via dii Pettinari, er vestitino sempre rosso, quello de lana, da ufficio. Pure d’estate. Je stava attillato, nun era corpa della taja der vestito. La gonna je permetteva ‘na farcata che variava dai 15 ai 18 centimetri, i denti perennemente digrignati pe’ lo sforzo e ‘n fiatone che pareva che s’era ‘ngoiata ‘n piffero. C’aveva i capelli corti castani, l’occhi sempre sereni, le guancione rosse e le chiappe che je faceveno da zaino. Era bassa e c’aveva e zinnette piccole. Dall’artra parte der ponte arivava tutti li giorni pure Filomena, la vedevi core da Via der Moro, er vestitino blu e ‘r fiatone alla viola scordata. Era bassa pure lei, la farcata uguale a Marina, le chiappone uguali a Marina, er soriso, l’occhi, le guancione  e le zinnette. Pareva Marina. Era bionda. Nun c’ho mai parlato co’ Marina e Filomena, ma quanno che le vedevo soridevo compiaciuto, soridevo io e soridevano pure tutti l’artri avventori abbituali der ponte. Ma erano sorrisi de’ benevolenza, no de cattiveria o de presa p’er culo.

Entrambe coreveno pe’ pià er 23 delle 7.00, ma nelle direzioni opposte. Ce lo sapevano benissimo che er 23, alle 7.00, da entrambe le direzzioni, passava cor cazzo. Ereno abbitudinarie.

Era er 27 febbraio matina, 6.59. Come tutti l’antri giorni passaveno Marina e Filomena coi loro fiatoni stonati, I piccioni ereno ancora a capo dei bidoni della spazzatura e si, c’ereno ancora i bidoni della spazzatura. Quer giorno, però, era diverso dall’antri. Forse pe ‘na coincidenza astrale, forse pe ‘n cambiamento epocale all’Atac, forse pe ‘na memorabile sbuciata de culo, i 23, che quer giorno c’avevano er nome giusto, ereno entrambi in orario.

Eravamo in 5 su quer ponte, de cui 3 co’ l’occhi increduli ma non Marina e Filomena, loro l’avevano sempre saputo che sarebbe arivato quer giorno. Abbassarono lo sguardo pè concentrasse a nun infilà i tacchi nei buchi tra i sampietrini, digrignaorono i denti fino alle gengive, sollevarono le gonne e proposero ‘na farcata degna de ‘sto nome. Staveno a core. Se discute ancora se er miracolo era pè i 23 contemporaneamente in orario o pè la velocità de marcia delle due, fattostà che, un pò per la disattenzione dovuta all’improvviso cambiamento de routine, un pò pè quaa cazzo de legge de Marfi, la capocciata che se diedero se sentì forte, parse ‘n tamburo de guera. E ‘nfatti le due iniziarono a strillare, a spintonarsi, faceveno er minacciosissimo gesto de levasse ‘a scarpa, ma nessuno dei presenti era infastidito da ‘e urla o preoccupato da ‘e minacce. Marina e Filomena avevano tirato fori delle voci mai sentite prima, ‘a prima pareva ‘na cornamusa, ‘a seconda pareva ‘na fisarmonica, mischiandosi ai fiatoni ar piffero e alla viola scordata, ai minacciosi gesti der corpo e ar martello de quello che stava a montà ‘e catene pè ostruì er passaggio dei motorini sur ponte, era uscita fori ‘na performans de musica celtica che amezzing greys je faceva ‘na pi… vabbè era ‘na bella performans.

Quer giorno tra l’avventori der ponte c’era pure Valerio, l’amico mio che ha creato er Coro Popolare Trasteverino. La performans corpì tarmente tanto Valerio che decise de intervenì, fermò le due con un semplice battito de mani e quer suo sguardo sognante, pè quarcuno è no sguardo mezzo scemo ma io c’ho sempre visto ‘na certa poesia. Smisi de vedelle su Ponte Sisto quer giorno, er famoso giorno der frontale, molti ‘o chiameno er famoso giorno der concerto, io ‘o chiamo er famoso giorni dii miracoli.

Oggi Marina e Filomena so’ ‘e famose voci primarie der coro. Sur Ponte nun l’ha più viste nisuno. Quarcuno dice ch’ hanno sbuciato cor coro e c’hanno fatto li sordi, io penso che è la delusione de nun avè preso quer 23.

Me so fatto du’ risate và. Da solo. Però mezzo che me so ripreso dalla sbronza.

Me riggiro verso la direzzione de casa co’ ‘n soriso ‘n più e ‘n pensiero ‘n meno.

 

FINE

 

Nevvvero, ar primo passo ‘nciampo, abbasso la testa pè da ‘n carcio ar sampietrino ‘nfame e invece vedo ‘na chioma forta, bianca, rizzoluta, zozza...

 

CONTINUA

 

Illustrazione di Giuseppe Maggiore.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload