© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Racconti trasteverini | Memorie de 'no scarzacane - Ponte Sisto parte 2

May 21, 2019

Sono a un bivio, n’antro. Che faccio? Je do ‘n carcio fatto bene o je chiedo scusa a sto putrido?

Lo guardo mejo, cerco de nun soffermamme solo sulle cacate de gabbiano incastonate tra i mucchi de capelli bianchi, cerco de annà più a fondo, vedo st’ometto magro, quasi rachitico, basso, quasi nano. Sta seduto a gambe incrociate. C’ha l’infradito, le dita dei piedi so così sottili che er filetto della ciavatta, che dovrebbe divide ed ditone dar dito dopo, je copre tutto er ditone e pure er dito dopo. Nun c’ha tre dita, capisco che quelle che nun se vedeno so coperte perchè sur filetto della ciavatta ce sta il calco dell’unghia der ditone.

 

Leggi anche: Memorie de 'no scarzacane | Ponte Sisto parte 1

 

È chiaro che nun ho ancora smaltito la sbronza, la visione der calco dell’unghia avrebbe causato una falla nel sistema diggestivo de qualsiasi persona nun inibita dall’alcool. Cerco de superà la parte dei piedi perchè il pensiero de potella vedè da lucido m’aveva comunque fatto venì un pò d’acidità de stomaco. Me aggito, je so annato addosso e manco me guarda, ma dimme te sto zozzo sta a fa er superiore, er ponte è casa mia. Me aggito de più, penso veloce a ‘na cosa da dije ar volo per provocallo e famme guardà, magari pure cor sorisetto, me lo ‘mmagino, c’avrà ‘na faccia da cazzo co quer sorisetto, se me guarda cor sorisetto lo sfonno proprio. Ma mo che je dico? Je so ito addosso e manco m’ha detto niente, a che m’aggrappo? Sti cazzi, ‘na cosa je la devo dì: ”Ma a pezzo de..”. Alza la testa prima de famme finì e lo vedo ‘n faccia, me pietrifico, nun riesco a move manco mezzo muscolo e me sento come se m’avessero attaccato ‘na borsa de raudi accesi ar core. Quella faccia nun me l’ero mai dimenticata, quella faccia che nun avevo mai visto soride in vita mia, manco mo sta a soride. Ma m’avrà riconosciuto? Lo sguardo è lo stesso de 16 anni fa. Severo, assente, profondo che nun riesci a vedè la fine. Te dava l’idea de sta al mondo senza ‘n obiettivo. Da fatte cacà sotto.

Capisco che mo sto lucido, sta botta d’adrenalina ha fatto er suo. Me guarda come se nun fossi nisuno. Me fissa, forse se starà a ricordà? Io so ancora pietrificato, dopo 40 secondi ancora non me so riuscito a move ma l’adrenalina sta a sparì. Adesso si fanno avanti le altre, le solite: er senso d’inadeguatezza, la paura de delude, la consapevolezza de esse poco, guarda co chi me la stavo a prende. N'amico.

Era lui, er nome nun se lo semo mai detto. Io lo chiamavo Istvud, me ricordava Clint Istvud negli Spietati, te causava lo stesso disagio a guardallo ma parlava de meno.

Quanno annavo ar liceo, i primissimi anni, Istvud stava sempre sur ponte, i capelli erano già folti, bianchi e rizzoluti, però sembravano sempre puliti, era tutto pulito. Faceva le collanine con le perline di plastica a aricciava i filetti de gomma trasparente pe’ facce i braccialetti.

Stava sempre la a ariccià, metteva i lavori fatti su un teletto bianco e stava zitto, nun guardava nisuno, nun parlava co’ nisuno, se qualcuno je chiedeva n’informazione sugli oggetti se lo guardava con quello sguardo severo, spento ma profondo e je faceva er gesto co’ la testa de guardà er cartello grosso, quello ar lato degli oggetti:

 

collane 1 euro

braccialetti 50 cent

prezzo basso - non trattare perfavore

se comprate, servitevi da soli

 

Aveva messo er prezzo più basso della storia de collane e braccialetti fatti a mano proprio pè nun fasse cacà er cazzo dai purciari, aveva pure specificato la generosità dell’offerta, la richiesta de nun trattà e che era un self service. Nonostante l’estrema chiarezza de quer cartello, la gente comprendeva che nun doveva fa domande solo dopo avello guardato nell’occhi. Na matina, dopo vari mesi che lo vedevo costantemente sur ponte, decisi de comprà na collanina pè na regazzetta ch’ avevo conosciuto ar liceo. Andai là, lo guardai, me guardò, presi ‘na collanina, la più vicina, misi n’euro sur teletto bianco, lo riguardai, me riguardò e me fece ‘n cenno de ringraziamento. Giuro, non je l’avevo mai visto fa, ar massimo aveva fatto cenno de si a ‘na signora che nun c’aveva i soldi appresso e che j’aveva chiesto se je li poteva portà più tardi.

 

Da quer giorno, ogni volta che passavo je facevo ‘n cenno, lui me lo rifaceva. Dopo qualche settimana, se passavo cor cane me fermavo, se facevamo er cenno e lui je faceva ‘na carezza. Un sabato mattina stavo a portà er cane, stavo mezzo sbronzetto e passai per il ponte. Er cenno, la carezza, proseguii. Arrivato a Via Giulia er cane se fermò a annusà ‘n portone, sto portone s’aprì de botto e uscì n’omo strano, sulla sessantina, brutto, capelli neri opachi, l’occhi nerissimi, così opachi pure quelli che parevano spenti e strillava, me strillava ‘n faccia, nun m’ arivava manco ar petto ma riusciva a strillamme ‘n faccia, sartava com ‘n pazzo, vedevo la forfora che je rimbarzava sulle spalle der vestito consumato danni de monoutilizzo: “a fio de ‘na maledetta mo t’ammazzo, te tiro na revolverata ‘n faccia, porta via sto cane che te l’ammazzo pure a lui co ‘na botta”. Io provai a dije che era ‘na cagna e che nun avrebbe pisciato sur portone, almeno nun proprio sopra, ar massimo de lato. Lui me prese per il braccio e me lo tirò tipo a strappammelo. Me ripresi er braccio co’ tutte le forze, e mie e quelle della cagna, ‘n incrocio tra ‘n rotweiler e ‘n dobermann, che però era più spaventata de me e cercava de core verso er ponte come se nun ce fosse ‘n domani.

De corsa arivammo ar ponte, io ero traumatizzato, la cagna pure. Ero un regazzino, sta rabbia nun l’avevo mai vista. Me fermai proprio davanti a Istvud, me guardava severo ma lo sapevo che era lo sguardo suo. Nun m’ aspettavo nient’altro che quello sguardo da lui eppure, in quer momento, lo sentii vicino come ’n fratello grande, ‘no zio. All’improvviso s’arzò, me venne vicino, m’arivava ar petto pure lui, come er pazzo, e nun perchè so alto io e me fece:” ch’hai fatto?”.

Esattamente come oggi, rimasi pietrificato, m’aveva messo più paura esse presente alla sua prima parola che quer pazzo che me voleva fa sparì. Io, senza manco rendeme conto, tutto de‘n fiato, je riccontai tutto quello ch’era successo a Via Giulia, ingrandii, forse ingigantii qualche particolare pè esse sicuro che se ‘ncazzasse pure lui co’ quer pazzo scatenato. Lo sguardo je cambiò, le sopracciglia je rimasero aggrottate ma l’occhi assunsero ‘n barlume de vita, de determinazione. Me fece cenno de annà de là, verso Via Giulia e se ‘ncamminò per primo. Er petto me se gonfiò de coraggio e de adrenalina, partimmo pur’io e la cagna.

Arivammo al portone, con passo deciso, in un minuto e dieci, forse quindici, ma m’era parso de risentì tutta la cavalcata delle valchirie. Me sentivo ‘n toro, mai successo in vita mia.

Davanti ar portone nun c’era nisuno ma io lo sapevo che quer porco stava dentro, diedi ‘n carcio alla busta della monnezza che ancora stava là pe’ fà fracasso co le bottije. Feci fracasso. Tanto. Sentimmo subito una serie de rimbombi che provenivano da dentro er palazzo, nun se capiva se era uno che coreva per le scale o se era uno che stava a cascà per le scale. Era uno che coreva. Er portone se spalancò sbattendo. Io, proprio perchè me sentivo ‘n toro, m’ero spostato da davanti all’entrata e m’ero messo più laterale, n’se sa mai. Lui era rimasto immobile davanti. Er portone se spalancò, riconobbi er nascone der pazzo che s’affacciò ma nun vidi er resto der corpo, s’era inchiodato dentro. Se fissarono per una manciata de secondi, faccia faccia, in silenzio, poi er portone se richiuse. Capii subito che successe. Er solito sguardo, quello che t’arivava drent’ ar fegato. Lo sguardo che un tempo aveva messo paura anche a me, a cui m’ero affezionato. Pure er pazzo s’era messo paura, s’era cacato sotto er vermine. Tornammo verso er ponte, in silenzio, pensai ar pazzo, a che je poteva esse successo nella vita pe’ esse così rabbioso. Doveva esse davvero n’omo solo. Istvud se rimise seduto ar posto suo. Io, sempre in silenzio, je feci ‘n cenno de ringraziamento, lui rispose ar cenno, fece ‘na carezza ar cane, me n’annai.

Nun lo rividi più fino ad’ oggi. Da pietrificato, co tutti sti pensieri ormai me so sciolto. Lo vorrei abbraccià, passerei pure sopra alle cacate de gabbiano. M’era mancato.

Je faccio ‘n cenno, lui me fa ‘n cenno. Me ne vado a casa.

 

Illustrazione di Giuseppe Maggiore.

 

Leggi anche: Memorie de 'no scarzacane | Ponte Sisto parte 1

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload