© 2017 by "IL VENTRILOCO". creato con Wix.com

Na storiaccia: le idi di marzo, l'assassinio di Giulio Cesare

March 15, 2019

Sono le sette di sera di un venerdì qualunque a Trastevere. Al Callisto, come sempre a quest’ora, non si trova un tavolino vuoto manco a pagallo oro. Seduti, con la birra, due amici chiacchierano del più e del meno, aspettando l’ora per annasse a fà du giri in osteria.

Ma ‘o sai che giorno è oggi? Er 15 marzo, grazie ar ca’, ma ‘o sai che è successo 1975 anni fa da ste parti? C’è stato l’assassinio de Giulio Cesare, le idi de marzo, ‘gnorante!

 

Er termine “Idi” veniva usato pe indicà li giorni a metà der mese der calendario romano. ‘Nfatti, seconno er calendario giuliano in vigore a quei tempi, le giornate nun erano numerate in maniera progressiva, ma se ordinavano in base a tre date fisse pe ogni mese.

 

Te spiego: er primo giorno erano le calende, appresso ce stava er “giorno dopo le calende”, e poi se cominciava a contà li giorni che mancavano prima dell’altre du feste der mese, che erano le none e le idi.

 

A cambià er calendario fu proprio Giulietto nostro, che però nun lo potè mai vedè applicato perché entrò in vigore l’anno dopo che fu ammazzato, ner 45 a.C.

 

Carcola che sto calendario, che era già de 365 giorni e c’aveva pure l’anni bisestili, è stato usato fino ar 1585, quanno è entrato in vigore quello de papa Gregorio XIII, e che ‘nfatti se chiama gregoriano, e che usamo pure mo.

 

Ma tornamo all’assassinio de Cesare. L’hanno sgobbato a largo Argentina, ‘ndo ce stava er capolinea dell’8. Là ar tempo ce stava la Curia de Pompeo, la sede provvisoria der Senato.

 

Successe che se fece convince da quer fijo de na mignotta de Decimo Bruto a presentasse davanti a quell’altrettanto fiji de mignotta de senatori, nonostante chi je voleva bene j’avesse detto de lassà perde.

 

Prima no schiavo, poi er maestro Artemidoro di Cnido e infine l’aruspice Spurinna je dissero più vorte de restassene a casa pe via de li cattivi presagi e de li sogni che avevano fatto. Ma quello era de coccio, e manco poco, e nun je diede retta.

 

Se dice che Giulietto uscì de casa verso le 11 senza fasse accompagnà dalla scorta e se fece a piedi la via Sacra tra du ali de folla che lo acclamavano manco fosse Totti.

 

Na vorta arivato alla Curia, mentre Trebonio stava a distrarre Marco Aurelio pe non fallo entrà, je se fecero intorno li congiurati che lo volevano fà fori.

 

Uno de loro, Tullio Cimbo, je se buttò ai piedi come se lo volesse implorà tirandoje la toga. Ma nun era reverenza, se trattava der segnale che avevano accordato l’assassini.

 

Er primo a corpì co la lama fu Publio Casca. “Scelleratissimo Casca, che fai?” je disse Cesare, che nun se l'aspettava proprio. Er dittatore provò subito a reagì corpennolo, ma in un attimo je se fecero sotto l’antri.

 

Se arese solamente quanno tra li tanti pugnali vide brillà quello de Marco Bruto, er suo fijo acquisito.

 

Solo a quer punto, beccata la ventitreesima cortellata, se accasciò pe tera a li piedi della statua de Pompeo. 

 

Quello che na vorta era stato er peggio nemico suo, ma che mai j’avrebbe fatto fà sta fine in modo tanto infame.

 

Leggi anche: Na storiaccia: Giuditta Tavani Arquati

 

Leggi anche: Na storiaccia: Lazzaro Anticoli, detto Bucefalo

 

Leggi anche: Na storiaccia: Romeo Ottaviani, detto er Tinèa, “Er più de Trastevere”

 

Leggi anche: Na storiaccia: Francesco Ripandelli, sor delegato mio

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload