Donna Olimpia la Pimpaccia

 

“Mostruoso potere di una femmina in vaticano”. Co ste parole, il Cardinal Pietro Sforza Pallavicino, grosso storico der Seicento, descriveva Donna Olimpia Maidalchini, pe li romani la Pimpaccia.

Donna Olimpia la PimpacciaFemmina che s’impose in un monno dominato da li maschi, la sua memoria è costruita da ‘n grovijo de leggende e maldicenze, ma quer ch’è sicuro è ch’era na donna forte, ‘ntelligente, ambiziosa, avida, cocciuta e furba, che se pijò er potere sapendoselo comprà co la moneta più efficace de vorta in vorta.

Quarta fija de Vittoria Gualterio e der ricco appaltatore Sforza, Olimpia nacque a Viterbo er 26 maggio, mai na gioia, der 1591. Già da regazzina, Olimpia fece capì a tutti che co lei ce stava poco da scherzà. Er padre, nfatti, pe favorì l’interessi dell’unico fijo maschio, la voleva mannà ar convento co le sorelle Ortensia e Vittoria. A quella, però, d’annasse a rinchiude co le sore nun je passava manco pe l’anticamera der cervello: c’aveva ben antri progetti pe er futuro… Solo che nun se mise a fà li capricci, ma pensò bene de accusà direttamente er padre spirituale incaricato de faje pijà li voti de avè provato a stupralla. Niente. E nfatti scoppiò ‘n casino che portò alla sospensione a divinis der prete, riabilitato da Donna Olimpia solo molti anni dopo, quanno lo fece nominà vescovo, na vorta che s’era imparentata cor papa.

Dopo sto scandalo, all’età de sedici anni Olimpia se sposò co ‘n ricco borghese, Paolo Nini, dar quale ebbe ‘n fijo morto prematuramente e che la lasciò vedova dopo manco tre anni de matrimonio. Mo c’aveva na bella eredità in saccoccia, ma je mancava ancora na cosa importante pe inizià la scalata ar potere: er titolo da nobile. E così, ner 1612, scerse come seconno marito ‘n aristocratico in bolletta, tanto li sordi ormai l’aveva fatti. Sto a parlà de Pamphilio Pamphili, er fratello di Giovanni Battista, futuro papa Innocenzo X. Entrò così ner circuito dell’arta società romana, diventando via via tanto potente da condizionà la carriera der cognato, accompagnando la sua elezione a successore de San Pietro. Dalle nozze co Pamphilio nacquero du femmine e ‘n maschio, Camillo, de cui però le malelingue d’allora attribuirono la paternità allo zio prete. Che intanto, mentre er fratello moriva, probabilmente avvelenato, proseguiva la sua scalata irrefrenabile alle gerarchie de Santa romana Chiesa. Sarà stato ‘n caso, ma er primo atto messo in atto dar novo Papa ner 1644 fu quello de nominà Olimpia, anzi Olimpiuccia come la chiamava, sua erede universale, consentendoje de decide ner suo salotto su nomine e appalti.

Diventò così l’Eminenza grigia della Corte papale e vera e propria padrona de Roma, tanto da esse soprannominata dar popolo, che nun l’amava, la Papessa. Su de lei, poi, se sprecavano le pasquinate: “Chi dice donna dice danno, chi dice femmina dice malanno, chi dice Olimpia Maidalchina dice donna, danno e rovina”, era solo una delle filastrocche perculatorie dedicate alla Pimpaccia. A daje st’appellativo fu proprio Pasquino, deformando in romanesco er titolo de na commedia assai famosa ner Seicento, “La Pimpa”, che c’aveva come protagonista na donna cattiva e furba, presuntuosa e spregiudicata. Da quer momento, er soprannome je restò addosso come na seconda pelle, accompagnandola pe l’eternità.

Donna Olimpia la PimpacciaTra l’accuse che je movevano contro c’era quella de esse la “protettrice” delle prostitute de Roma, che secondo le stime dell’epoca erano circa er 15 per cento della popolazione cittadina. Er fatto è che a quei tempi la prostituzione era legale: le signorine se chiamavano addirittura “donne curiali”, perché pe lavorà je serviva na licenza rilasciata dar Cardinal Vicario, e se pò facilmente immaginà che su ste licenze Donna Olimpia intervenisse spesso e volentieri. Pe dà sti permessi de esercità er mestiere più antico der mondo, la Pimpaccia se faceva pagà in un modo particolare: le ragazze la dovevano tenè informata su tutto quello che dicevano o facevano li loro clienti. In pratica je chiedeva de fà la spia. ‘N giorno, grazie a ste informazioni, se la pijò co ‘n importante cardinale, Giovanni Battista Pallotta (no, nun c’entra ‘n cacchio co quell’antro), accusandolo de spionaggio. Quello nun la prese troppo bene, risponnenno che era na vergogna che a comannà su Roma ce fosse, testuali parole, na mignotta.

‘N antro aneddoto che fa capì bene la personalità de Donna Olimpia è legato all’affidamento de ‘n importante appalto: quello pe la ricollocazione a piazza Navona de ‘n antico obelisco rinvenuto ner Circo de Massenzio. All’inizio pareva che er papa volesse affidà li lavori a Francesco Borromini, suo artista prediletto, ma ce fu ‘n fatto che je fece cambià idea. Gian Lorenzo Bernini, acerrimo rivale de Borromini, venuto a sapè dell’incarico, fece fonde in argento massiccio ‘n modello der suo progetto arto ‘n metro e mezzo e lo regalò alla Pimpaccia. Ber colpo Gianlo! Quella lo portò a fà vedè ar cognato papa che ce rimase de stucco e se fece convince ad affidà l’opera a Bernini. Se pò dì che pe na vorta l’avidità de Olimpia ha prodotto na cosa bona: fu così, ‘nfatti, che fu realizzata la fontana dei Fiumi, da molti definita ‘n miracolo der monno.

Ma se stava a montà ‘n po’ troppo la capoccia, Donna Olimpia, e pure er papa nun je la faceva più a coprì li casini che de continuo arzava. Li due ebbero ‘n brutto screzio che curminò co la cacciata de Pimpaccia dar Palazzo Pontificio ner 1650, anno der Giubileo. Se riconciliarono solamente tre anni più tardi, e quanno Innocenzo X morì, ner 1655, lei era lì ar suo capezzale. Certo, se sa pure che, appena quello stirò li zoccoli, lei se portò via du casse piene de monete d’oro che aveva sfilato da sotto er letto papale, e quanno li camerieri je chiesero ‘n contributo pe pagà er funerale quella je rispose che na pora vedova come lei nun poteva dà proprio niente. Pora stella. Morto er “suo” papa, nonché cognato e per molti amante, se ritrovò sola e odiata da tutti. Ma ricca, anzi, ricchissima. Appena eletto, Alessandro VII Chigi la mannò in esilio nelle sue tenute viterbesi, dove la Pimpaccia morì de peste ner 1657 all’età de 65 anni, insieme a na fortuna de du mijoni de scudi d’oro. Pe favve capì, stamo a parlà de mijardi de euri de oggi!

Finita qua? Manco pe niente. Secondo la tradizione popolare la Pimpaccia continua a fà danni pure dopo esse morta, animando le notti romane co le sue scorribande. Ce sta na leggenda secondo cui er de 7 gennaio, anniversario della morte de Innocenzo X, e nelle notti de luna piena, er fantasma de Donna Olimpia appare nei pressi de Villa Pamphilj a bordo della sua carrozza carica d’oro guidata da diavolacci e trainata da quattro cavalli indemoniati e neri come er carbone, lasciando na scia de foco e imperversando tra li vicoli de Roma. Na vorta passato Ponte Sisto, la leggenda vole che Olimpia scompaia ner Tevere, ndo li diavoli la vanno a pijà ogni vorta pe riportalla all’inferno.

Illustrazioni di Valerio Paolucci

Leggi anche: Il Banditore del rione 2019