Home2020-11-09T16:34:21+01:00
  • Roberto Rossellini

    Roberto Rossellini il combattente

    Dalle strade di Roma Città Aperta al ruolo educativo della televisione di Roberto Rossellini   Come ogni autunno si è da poco conclusa la Mostra del Cinema di Venezia. Certo, quest'anno niente era scontato, meno [...]

  • enrico ferola

    Enrico Ferola, il fabbro della Resistenza

    ANGOLI DI TRASTEVERE - ENRICO FEROLA   Enrico Ferola nasce a Roma il 30 ottobre 1901. «Popolano schivo e scorbutico» così viene ricordato nell’immediato dopoguerra dagli abitanti del Rione Trastevere. Fabbro, membro del Partito d’azione, [...]

  • Giorgiana Masi

    Giorgiana Masi

    'NA STORIACCIA | Ponte Giorgiana Masi   L’ispirazione pe’ scrive ‘sta storiaccia m’è venuta mentre ascoltavo ‘na canzone de Stefano Rosso. Nun parlo de quella più famosa, quella dello spinello, e nemmanco de quella che [...]

  • Porta Portese deve r(i)esistere

    “Vado avanti a gomitate tra la gente che s’affolla”, cantava nel 1972 Claudio Baglioni nella sua Porta Portese. Adesso, dopo il Covid, in quello che nel Dopoguerra era nato come nuova sede del mercato nero [...]

  • caffè del progresso

    Caffè del Progresso

    Er Caffè del Progresso è una bottega bassa, così scura ch'ogni avventore è l'ombra de se stesso. Nessuno fiata. Tutti hanno paura de dì un pensiero che nun è permesso.   Perfino la specchiera, tutt'ammuffìta [...]

Articoli in evidenza

Rubriche

Resta in contatto

Ultimi numeri del Ventriloco

Collaboratori

Sponsorizzazioni e Partnership

Ultimi Articoli

Trastevere rione da consumare

Com’è successo che Trastevere perdesse la propria anima? Com’è successo che Trastevere seguisse l’esempio degli altri rioni del centro storico, come Campo Marzio, Parione, Trevi? Queste sono le domande che ci faremo tra pochi anni. Purtroppo. È difficile immaginare uno scenario diverso da quella Campo de Fiori che oggi si sveglia con un mercato a prova di turista e se ne va a dormire con la chiusura di un recinto di pub a prova, anch’esso, di turista. Trastevere è il [...]

Trastevere: emergenza movida cercasi

Ma come? Adesso che è proibito anche solo mettere il naso fuori di casa senza una motivazione valida, ti metti a scrivere un articolo sulla movida e sulla vita notturna? Capisco che possa sembrare assurdo, paradossale e fuori contesto e io stesso ci ho pensato a lungo prima di convincermi. Ma poi, insieme agli altri della redazione, ci siamo detti che un senso, parlare della notte in modo normale, ce l’ha. Chi ha la pazienza di leggerci, sa che difficilmente, [...]

Le case vuote di Trastevere

“Senza i residenti, il rione si è impoverito tutto, è diventato terra di nessuno”   In un pomeriggio d’inverno davanti a un caffè in via Mameli Stefania mi racconta perché non abita più a Trastevere. «Mia nonna stava qui vicino, è stata sfrattata negli anni Settanta. Tre giorni, tre giorni le hanno dato per lasciare la casa di via San Francesco a Ripa. Noi siamo rimasti nel rione, ma poi qualche anno fa abbiamo dovuto vendere la casa». Quando mi [...]

L’incendio der 64 d.C.

‘NA STORIACCIA   Quanno sento parlà er presidente brasiliano de li teribbili incendi che hanno bruciato l’Amazzonia me viè in mente l’imperatore Nerone. Er successore de Claudio incolpava li cristiani de avè appicciato Roma, cosa che je faceva comodo assai, nello stesso modo in cui Bolsonaro accusa le Ong, che la foresta, a differenza sua, la vorebbero sarvà. Nun c’è niente da fà: passeno li millenni ma er modo de fà politica, soprattutto pe’ chi è o se crede da [...]

Io sono (il nipote di) un autarchico

Borsalino sempre in testa, occhi vispi e azzurri. Qualcuno di voi, Armando, l’avrà visto passeggiare per Trastevere con la sua andatura lenta, un po’ ciondolante e continuamente interrotta da brevi pause spese ad ammirare il cielo. Se avete avuto la fortuna di conoscere mio nonno, vi avrà salutato alzando il cappello come si faceva un tempo. Quando lo osservo, nei suoi comportamenti e nel suo modo di stare al mondo, proprio quel tempo in cui è cresciuto, nel bene e [...]

Hotel Regina Coeli

Gianicolo, è notte. All’improvviso dall’alto cade l’urlo di una donna.   Ciao Nì, me senti? So io. Te vojo bene.   Camminando per le strade di Roma raramente si pensa ai carcerati, anche se molti di loro abitano proprio nel cuore di quella stessa città. La loro presenza ci viene ricordata da rituali forme di comunicazione che mi piace chiamare di sconfinamento. Dagli anni Trenta del secolo scorso gli strilloni, uomini dal tono possente, si prestano a dare voce alle [...]

Tra le braccia di Regina

Francesco e Valerio, due dei 35 detenuti morti a Regina Coeli dal 2002, che entrambi in carcere nemmeno ci dovevano stare A Regina Coeli A fronte di una capienza massima di 624 posti, sono presenti al momento 906 detenuti, di cui una trentina in stato di terapia medico-psichiatrica in un reparto della seconda sezione. Attendono, a volte mesi, di essere trasferiti in una struttura idonea alle loro condizioni. Un sovraffollamento reso ancor più preoccupante dalla carenza di personale. Gli agenti [...]

Roberto Rossellini il combattente

Dalle strade di Roma Città Aperta al ruolo educativo della televisione di Roberto Rossellini   Come ogni autunno si è da poco conclusa la Mostra del Cinema di Venezia. Certo, quest'anno niente era scontato, meno che mai un festival di cinema. Per questo Venezia77 è stata fondamentale, sorprendente anche solo nel suo compimento: il primo festival cinematografico in presenza di questo 2020 all'insegna della pandemia. Ed è stato estraniante quanto essenziale ritrovarsi lì; in un Lido che a tratti ricordava [...]

Enrico Ferola, il fabbro della Resistenza

ANGOLI DI TRASTEVERE - ENRICO FEROLA   Enrico Ferola nasce a Roma il 30 ottobre 1901. «Popolano schivo e scorbutico» così viene ricordato nell’immediato dopoguerra dagli abitanti del Rione Trastevere. Fabbro, membro del Partito d’azione, è il principale artefice dei chiodi a quattro punte, arma iconica della Resistenza romana. Arrestato il 19 marzo 1943 dalla Banda Koch viene fucilato alle Fosse Ardeatine il 25 marzo dello stesso anno. Se il flusso di coscienza di Ferola è un espediente narrativo, luoghi, [...]

Giorgiana Masi

'NA STORIACCIA | Ponte Giorgiana Masi   L’ispirazione pe’ scrive ‘sta storiaccia m’è venuta mentre ascoltavo ‘na canzone de Stefano Rosso. Nun parlo de quella più famosa, quella dello spinello, e nemmanco de quella che parla de via della Scala. Se ‘ntitola Bologna ‘77, è uno de li brani de maggior impegno civile de Rosso e racconta de ‘n fatto avvenuto sur ponte der Tevere dedicato a Peppe Garibaldi. ‘Nfatti, ‘sta storia, che è sì romana e pure trasteverina, inizia [...]

By |1 Novembre 2020|Categorie: Na Storiaccia, Senza categoria, Storie, Territorio|0 Comments

Porta Portese deve r(i)esistere

“Vado avanti a gomitate tra la gente che s’affolla”, cantava nel 1972 Claudio Baglioni nella sua Porta Portese. Adesso, dopo il Covid, in quello che nel Dopoguerra era nato come nuova sede del mercato nero e che è diventato nel tempo uno dei simboli di Roma a livello mondiale, le cose sono cambiate. Di gente ce n’è tanta, ma anche tra i banchi di via Ippolito Nievo e di via Ettore Rolli il divieto di assembramenti e l’obbligo del distanziamento [...]

Caffè del Progresso

Er Caffè del Progresso è una bottega bassa, così scura ch'ogni avventore è l'ombra de se stesso. Nessuno fiata. Tutti hanno paura de dì un pensiero che nun è permesso.   Perfino la specchiera, tutt'ammuffìta da l'ummidità, è diventata nera e nun rispecchia più la verità.   Io stesso, quanno provo de guardamme ner vetro, me cerco e nun me trovo...   Com'è amaro l'espresso ar Caffè der Progresso!     Trilussa, 1938     Illustrazione di Valerio Grigio Paolucci [...]

By |1 Novembre 2020|Categorie: Numero 13 | Rivista cartacea, Poesie, Senza categoria|0 Comments