Home2021-05-13T18:22:26+02:00
  • il bar San Calisto come un saloon

    Trastwest al bar San Calisto

    Il bar San Calisto come un saloon - Trastwest   Ne abbiamo parlato tante volte: passeggiando per Trastevere è difficile non far caso a come il Rione sia diventato tutto un tavolino; una superficie occupata [...]

  • La Santa Cecilia di Elia Novecento

    Santa Cecilia patrona della musica

    Santa Cecilia e i suoi luoghi a Trastevere In Trastevere si trova il principale santuario dedicato alla santa che il mondo intero riconosce e celebra come patrona della musica. La basilica di santa Cecilia, ricca [...]

  • ludovica cefalo illustra A Trastevere ho trovato la mia meta

    “A Trastevere ho trovato la mia meta”

    Un pomeriggio con Nadya: giovane donna, femminista, attivista e cantante cresciuta in giro per il mondo ma con il green pass di autentica romana   Quel pomeriggio prima di andare a Trastevere sono uscito e [...]

  • Trastevere pattinatrice di lacrime: l'intervista Giulia Ananìa

    Intervista a Giulia Ananìa: Trastevere pattinatrice di lacrime

    Giulia Ananìa, provocatrice sentimentale che si vede, si legge e si ascolta Ho conosciuto Giulia Ananìa nel corso dell’IPER, il festival delle periferie. L'artista ha toccato tutte le 12 borgate ufficiali di Roma, con i [...]

  • omaggio alla Lovegang dell'artista Wuarky

    Lovegang trasteverina

    Esplosione trasteverina della Lovegang   La scalea del Tamburino si trova alla fine di viale Glorioso e collega la Trastevere bassa alla Trastevere alta, o Monteverde vecchio che dir si voglia. Da anni è al [...]

  • i Colle der Fomento e In the panchine nell'illustrazione di Enton Nazeraj

    Il rap a Roma

    Tra identità popolare, nuovi linguaggi e contaminazioni   Cos’è oggi la musica popolare? Esiste ancora un repertorio specifico che rientri sotto questa definizione? Possiamo ancora parlare, nel 2021, di musica popolare romana, identificandola magari con [...]

  • Lo sciamano di Trastevere

    Lo sciamano di Trastevere: Maurizio e l’isola del tesoro

    Mentre da dietro i trasteverini del Calisto, impegnati nel solito Tresette sul tavolino posto quasi al centro della piazza, gli lanciano un urlo, una battuta, “A Maurì, e fattela ‘na risata no?”, cominciamo la nostra [...]

  • Trastevere è il rione dell'accoglienza nelle parole del Cardinale Marco Zuppi

    “Il rione dell’accoglienza” | Intervista al Cardinale Matteo Zuppi

    Intervista al cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, per 10 anni parroco di Santa Maria in Trastevere Nato a Roma l'11 ottobre 1955, Sua Eminenza Matteo Zuppi si è laureato in Lettere e Filosofia all'Università [...]

Articoli recenti

Rubriche

In evidenza

La chiesa di Santa Bonosa

Angoli di Trastevere | La chiesa di Santa Bonosa Dopo l’unità d’Italia e Roma capitale, imponenti trasformazioni urbanistiche ed edilizie segnarono profondamente l’aspetto della città, a volte snaturandolo. Il Trastevere fu oggetto di queste trasformazioni: Roma doveva assolvere al ruolo di capitale di un nuovo regno, rinnovarsi, cancellare i suoi tratti più popolari e rurali. Il nostro rione fin dall’antichità aveva un carattere popolare e multietnico, abitato da gente di umile condizione che lavorava in attività industriali che sfruttavano la [...]

Vigna Jacobini, er crollo dimenticato

‘NA STORIACCIA So’ le 15:50 quanno er silenzio de via di Vigna di Jacobini viè rotto da ‘n applauso. Le mani, all’inizio, battono piano, quasi insicure. Poi, er clap clap se fa via via più forte, sempre de più. Qualcuno tra la folla strilla: “Braviii, braviii!”. ‘N antro: “Eddaje!”. So’ grida commosse, cariche de speranza. Da ‘na montagna de carcinacci e de polvere viè tirato fori ‘n omo, ancora vivo. Se chiama Alberto, c’ha 58 anni. ‘N cane, ‘n doberman [...]

I prati di San Cosimato

Il nuovo quartiere: i prati di San Cosimato In pochi anni, a Trastevere nasce un quartiere ai prati di san Cosimato quando la città, nel 1871, diventa Capitale e l’improvvisa richiesta di alloggi fa salire il prezzo delle pigioni per la fascia sociale ai limiti della sopravvivenza; la speculazione edilizia già presente durante il governo pontificio cerca un aumento della rendita frazionando le abitazioni nelle quali si accalcano anche oltre dodici abitanti. Si soprelevano vecchie case mentre vengono demoliti fabbricati [...]

Abitare i rioni

Abitare Trastevere e i rioni romani Camminando tra i vicoli, osservando i muri segnati dal tempo, ascoltando voci molteplici e diverse, sento il lento fluire della vita che scorre e scivola su monumenti, palazzi, chiese e case, e si stratifica in una sapiente sintassi urbana dove i pieni e i vuoti, il grande e il piccolo, il sacro e il profano, concorrono a quella qualità che è per tutti e di tutti: la città storica. È il senso del diritto [...]

By |28 Aprile 2021|Categorie: Articoli, Numero 15 | Rivista cartacea, Senza categoria|0 Comments

Locusta l’avvelenatrice dell’imperatori

‘NA STORIACCIA Ce lo so bene che li lettori de ‘sta disgraziata rivista so’ grossi conoscitori della storia de Roma antica. Forse però, quarcheduno de loro, me so’ detto, leggenno la parola locusta, nun penserà ad antro che a ‘n insetto. E ‘nvece, la Locusta de cui ve vojo parlà stavorta, nun è ‘n animale, bensì ‘na donna da molti chiamata strega e da antri pure peggio, che ner campo suo fu una delle personalità più ‘mportanti dell’antichità, capace de [...]

Fiume Tevere: tutto scorre

Il fiume Tevere tra vecchie criticità e nuovi propositi   IL LATO OSCURO Passeggio sul lungotevere, è una domenica d’inverno fredda e a tratti piovosa. Roma è mezza vuota. Sarà il virus, sarà il cielo grigio. Il Tevere, anima di questa città, calpestato e maltrattato seppur casa per molti, svela i lati oscuri di una città in decadenza. Scendo sulle banchine di ponte Sisto e mi avvio verso ponte Garibaldi, sponda sinistra. Tra erbacce e canneti, muri che cadono, ingressi [...]

Villa Sciarra sta crollando

Salendo da via Dandolo, all’altezza dei Fortini, si vede un muraglione puntellato da pali di ferro: è la nostra villa che viene giù Quando Bernardo Bertolucci fece il suo esordio alla regia nel 1962 con il film “La comare secca”, tratto da un soggetto di Pier Paolo Pasolini, per l’ambientazione non volle allontanarsi un granché dalla casa di Monteverde in cui viveva all’epoca. Scelse infatti la vicina Villa Sciarra come palcoscenico per quella drammatica storia, che se fosse stata vera [...]

Trastevere rione da consumare

Com’è successo che Trastevere perdesse la propria anima? Com’è successo che Trastevere seguisse l’esempio degli altri rioni del centro storico, come Campo Marzio, Parione, Trevi? Queste sono le domande che ci faremo tra pochi anni. Purtroppo. È difficile immaginare uno scenario diverso da quella Campo de Fiori che oggi si sveglia con un mercato a prova di turista e se ne va a dormire con la chiusura di un recinto di pub a prova, anch’esso, di turista. Trastevere è il [...]

Trastevere: emergenza movida cercasi

Ma come? Adesso che è proibito anche solo mettere il naso fuori di casa senza una motivazione valida, ti metti a scrivere un articolo sulla movida e sulla vita notturna? Capisco che possa sembrare assurdo, paradossale e fuori contesto e io stesso ci ho pensato a lungo prima di convincermi. Ma poi, insieme agli altri della redazione, ci siamo detti che un senso, parlare della notte in modo normale, ce l’ha. Chi ha la pazienza di leggerci, sa che difficilmente, [...]

Le case vuote di Trastevere

“Senza i residenti, il rione si è impoverito tutto, è diventato terra di nessuno”   In un pomeriggio d’inverno davanti a un caffè in via Mameli Stefania mi racconta perché non abita più a Trastevere. «Mia nonna stava qui vicino, è stata sfrattata negli anni Settanta. Tre giorni, tre giorni le hanno dato per lasciare la casa di via San Francesco a Ripa. Noi siamo rimasti nel rione, ma poi qualche anno fa abbiamo dovuto vendere la casa». Quando mi [...]

L’incendio der 64 d.C.

‘NA STORIACCIA   Quanno sento parlà er presidente brasiliano de li teribbili incendi che hanno bruciato l’Amazzonia me viè in mente l’imperatore Nerone. Er successore de Claudio incolpava li cristiani de avè appicciato Roma, cosa che je faceva comodo assai, nello stesso modo in cui Bolsonaro accusa le Ong, che la foresta, a differenza sua, la vorebbero sarvà. Nun c’è niente da fà: passeno li millenni ma er modo de fà politica, soprattutto pe’ chi è o se crede da [...]

Io sono (il nipote di) un autarchico

Borsalino sempre in testa, occhi vispi e azzurri. Qualcuno di voi, Armando, l’avrà visto passeggiare per Trastevere con la sua andatura lenta, un po’ ciondolante e continuamente interrotta da brevi pause spese ad ammirare il cielo. Se avete avuto la fortuna di conoscere mio nonno, vi avrà salutato alzando il cappello come si faceva un tempo. Quando lo osservo, nei suoi comportamenti e nel suo modo di stare al mondo, proprio quel tempo in cui è cresciuto, nel bene e [...]

Hotel Regina Coeli

Gianicolo, è notte. All’improvviso dall’alto cade l’urlo di una donna.   Ciao Nì, me senti? So io. Te vojo bene.   Camminando per le strade di Roma raramente si pensa ai carcerati, anche se molti di loro abitano proprio nel cuore di quella stessa città. La loro presenza ci viene ricordata da rituali forme di comunicazione che mi piace chiamare di sconfinamento. Dagli anni Trenta del secolo scorso gli strilloni, uomini dal tono possente, si prestano a dare voce alle [...]

Tra le braccia di Regina

Francesco e Valerio, due dei 35 detenuti morti a Regina Coeli dal 2002, che entrambi in carcere nemmeno ci dovevano stare A Regina Coeli A fronte di una capienza massima di 624 posti, sono presenti al momento 906 detenuti, di cui una trentina in stato di terapia medico-psichiatrica in un reparto della seconda sezione. Attendono, a volte mesi, di essere trasferiti in una struttura idonea alle loro condizioni. Un sovraffollamento reso ancor più preoccupante dalla carenza di personale. Gli agenti [...]

Alieni

Alieni - I racconti di Emanuele Kraushaar   La sala d’attesa Alcuni cervelli erano stati direzionati verso l’amore per gli altri, altri verso l’amore per sé stessi, o verso il successo, verso il senso di sé, verso il rispetto per il silenzio; il mio – ormai lo avevo capito – era stato orientato verso il niente. E così, mentre gli altri uscivano dal reparto operazioni così eccitati come se la vita non aspettasse che loro, io zoppicavo a fatica verso [...]

By |12 Gennaio 2022|Categorie: Numero 17 | Rivista Cartacea, Racconti|0 Comments

Trastwest al bar San Calisto

Il bar San Calisto come un saloon - Trastwest   Ne abbiamo parlato tante volte: passeggiando per Trastevere è difficile non far caso a come il Rione sia diventato tutto un tavolino; una superficie occupata da esercizi commerciali che attraverso il riempimento arrabattato delle pance, si preoccupano solamente di rimpolpare, rapidi rapidi, le tasche. Il bar San Calisto Ma c'è un luogo a Trastevere - anche di questo ne abbiamo parlato tante volte - che appare in una strana dimensione [...]

Santa Cecilia patrona della musica

Santa Cecilia e i suoi luoghi a Trastevere In Trastevere si trova il principale santuario dedicato alla santa che il mondo intero riconosce e celebra come patrona della musica. La basilica di santa Cecilia, ricca di arte e devozione, custodisce sotto il mirabile e raffinatissimo ciborio marmoreo, opera del grande Arnolfo di Cambio (1293), le spoglie della fanciulla che testimoniò la sua fede fino alla morte. Ma cosa sappiamo di lei? E perché mai il luogo dove è venerata è [...]

“A Trastevere ho trovato la mia meta”

Un pomeriggio con Nadya: giovane donna, femminista, attivista e cantante cresciuta in giro per il mondo ma con il green pass di autentica romana   Quel pomeriggio prima di andare a Trastevere sono uscito e ho preso le sigarette. Mi è sembrato di conferire a quella stupida azione un valore eccezionale e unico. Da Zalib, a via della Penitenza, mi aspettava Nadya e, mentre il lungotevere scivolava via alla mia destra più biondo del solito, rimescolavo i pensieri riordinando a [...]

Intervista a Giulia Ananìa: Trastevere pattinatrice di lacrime

Giulia Ananìa, provocatrice sentimentale che si vede, si legge e si ascolta Ho conosciuto Giulia Ananìa nel corso dell’IPER, il festival delle periferie. L'artista ha toccato tutte le 12 borgate ufficiali di Roma, con i quartieri periferici annessi. Una rassegna durata 24 ore trascorsa intervistando realtà, artisti e persone incontrate strada facendo. Le domande hanno affrontato le grandi questioni della vita: che cosa è per te l'Amore? Dove vai a fa la spesa? Quanto sei periferico? ‘Ndo’ abiti? Ma perché, Riccà, [...]

By |30 Novembre 2021|Categorie: Numero 17 | Rivista Cartacea, Senza categoria, Territorio|0 Comments

Ultimi numeri del Ventriloco

Collaboratori

Resta in contatto

Sponsorizzazioni e Partnership